Domenica 26 Marzo 2017 ore 13:10
LA FAVOLA NOSTRA
Renato Zero, la "Favola nostra” continua... di Piero Montanari
Quello che svelo è il contenuto del messaggio wathsApp tra me e Renato Zero il giorno dopo di Arenà, il suo concertone all'arena di Verona...

“Caro Renato, cosa c'era sabato (17 settembre 2016 ndr), una partita della Nazionale di calcio, che quasi 21 italiani su cento, davanti alla tv, erano incollati su Rai1? No, c'eri tu, con Renato Zero si racconta... Bellissimo! Ti abbraccio, amico mio” - e lui: “E pure questa pagina è scritta, caro Piero. Baci Re.”

Quello che svelo è il contenuto del messaggio wathsApp tra me e Renato Zero il giorno dopo di Arenà, il suo concertone all'arena di Verona che raccoglieva il meglio di tre serate tenute a giugno dall'artista nella città scaligera. Non voglio comunque parlare del bel concerto, che ho visto volentieri e anche con molta curiosità, considerato che non avevo mai assistito ad una sua lunga esibizione dal vivo, se non anni fa, quando fui invitato proprio da lui ad uno degli otto appuntamenti a Villa Borghese a Roma, in occasione dei suoi 60 anni. C'erano molti giovani, come a Verona, ma fui anche sorpreso di essere circondato da vecchi sorcini dai capelli bianchi che cantavano a squarciagola le sue canzoni, ricordandone  perfettamente tutti i versi, in una sorta di “Villa Arzilla pop-rock”. Capii così che il suo popolo era cresciuto ed invecchiato insieme a lui e non l'aveva mai abbandonato.

Sono passati una quarantina d'anni, dopo che la nostra amicizia  e collaborazione si erano stranamente interrotte. Avevo suonato nel suo LP d'esordio con la Rca, "No Mamma, No" e avevamo anche iniziato a scrivere canzoni insieme. Una di queste, "La favola mia", è diventato un brano tra i suoi più popolari e quello, secondo me, che lo rappresenta di più, almeno per gli esordi. Eravamo davvero grandi amici molto tempo fa, uscivamo in comitiva insieme con le sorelle Bertè, Loredana e Mia Martini (solo Mimì per noi) in giro per locali di Roma, sigarette e passaggi in auto per Renato, sempre a scrocco, direzione Montagnola, il quartiere dove viveva.

Bella storia, che ha anche ricordato a Verona, facendo cantare ad Elisa “Almeno tu nell'universo” la canzone di Mia in omaggio alla nostra vecchia e sfortunata amica, grandissimo talento musicale. Poi Renato ebbe un successo travolgente, meritatamente, ostinatamente, come rivela egli stesso al suo alter ego nel programma, Sergio Castellitto, con la sua grande capacità di non mollare mai, di beccarsi i no, e qualche volta gli insulti, che per anni il mondo discografico gli ha comminato, sempre però sostenuto dalla voglia di rivalsa dalle sue origini poverissime, unita a quel talento straordinario che ha avuto nel comunicare se stesso e la sua anima popolare alla gente. E suo padre, il poliziotto della Montagnola, che gli apriva la porta alle 5 del mattino senza chiedergli dove fosse andato, sapendo che un giorno o l'altro Renato ce l'avrebbe fatta.


ARTICOLI CORRELATI
Marco Travaglio, direttore de Il Fatto Quotidiano, svela qualcosa in più della sua sfera privata
La voce di Benedetta Catenacci, sabato sera in tv a "Ti lascio una canzone" ha stupito i giudici della trasmissione condotta dalla Clerici
Nella canzone il rocker attacca i legali che "alzano il calice al cielo sentendosi Dio" per il ritardo delle sentenze
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
2
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
3
Siamo andati al letto con le scene dei calci di rigore di Pellè e Zaza convinti di aver visto un filmetto dove alla fine Alvaro Vitali vince l'Oscar
4
Il viaggio comincia. Tra poco si torna a casa, alla consuetudine di tutti i giorni, al telegiornale che regala solo brutte notizie
5
Basta qualche faro blu, e naturalmente un tramonto romano, per trasformare una serata normale in qualcosa di magico
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency