Domenica 28 Maggio 2017 ore 12:32
RAPPORTO ANNUALE ISTAT
Istat, esplodono disuguaglianze sociali. Sale indice deprivazione
Cambiano operai e piccola borghesia. Maggior perdita senso di appartenenza. Presidente: “ripresa, ma non per tutti”

La disuguaglianza sociale “non è più solo distanza tra le diverse classi, ma la composizione stessa delle classi e la crescente complessità del mondo del lavoro ha fatto aumenta le diversità non solo tra professioni ma anche tra gli stessi ruoli professionali”. E’ l’analisi fatta nel rapporto Istat, che disegna la mappa socio-economica d’Italia. Paese sempre più vecchio: gli over 65 hanno raggiunto il 22% (livello più alto in UE). Sono 3 milioni 590 mila le famiglie senza redditi da lavoro (13,9 % del totale); 7 under 35 su 10 in famiglia. Risale l’indicatore di “grave deprivazione materiale”, che nel 2016 è l’11,9 %. Critica la condizione dei genitori soli.

“La perdita del senso di appartenenza a una certa classe sociale è più forte per la piccola borghesia e la classe operaia”. Lo evidenzia il rapporto annuale dell’Istat fotografando un aumento delle disuguaglianze che penalizza soprattutto stranieri e coppie con figli, tutti a basso reddito. Oggi la classe operaia, osserva l’Istat, “ha abbandonato il ruolo di spinta all’equità sociale” e la classe media “non è più alta del cambiamento”. Mentre sopravvive la classe media impiegatizia. I gruppi sociali più numerosi sono le famiglie di impiegati (4.582) e quelle di operai in pensione (5.858). E nuovo minimo delle nascite.

“La ripresa, a causa dell’intensità insufficiente della crescita economica, stenta ad avere gli stessi effetti positivi diffusi all’intera popolazione”. Cosi il presidente dell’Istat, Alleva, presentando il rapporto al Parlamento. Alleva sottolinea la difficoltà del processo di crescita ad affermarsi pienamente”. Poi evidenzia: quasi il 40 % delle famiglie ha come riferimento un inattivo o un disoccupato, oppure una persona che lavora ma con bassa retribuzione. E invita a investire su formazione e innovazione.


ARTICOLI CORRELATI
A "Un Giorno Speciale" su Radio Radio vivace scambio di vedute sulla caccia. Tozzi: "I cacciatori sono dei poveracci"
Il prodotto più apprezzato all’estero è il vino, con un valore di 5,6 miliardi di euro
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
2
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
3
Siamo andati al letto con le scene dei calci di rigore di Pellè e Zaza convinti di aver visto un filmetto dove alla fine Alvaro Vitali vince l'Oscar
4
Il viaggio comincia. Tra poco si torna a casa, alla consuetudine di tutti i giorni, al telegiornale che regala solo brutte notizie
5
Basta qualche faro blu, e naturalmente un tramonto romano, per trasformare una serata normale in qualcosa di magico
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency