Lunedì 23 Gennaio 2017 ore 01:26
RUBRICHE
Il muro del suono, Unione Giovani Avvocati fa causa a Ligabue?
Nella canzone il rocker attacca i legali che "alzano il calice al cielo sentendosi Dio" per il ritardo delle sentenze

LA FRASE DELLA CANZONE INCRIMINATA "La giustizia che aspetti è uguale per tutti, ma le sentenze sono un pelo in ritardo" e ancora, in riferimento proprio alle lungaggini processuali, "Avvocati che alzano il calice al cielo sentendosi Dio". E' questa correlazione, tra il ritardo delle sentenze e il fatto che gli avvocati brindino a tutto ciò, che ha mandato su tutte le furie l’Unione Giovani avvocati Italiani che ha diramato una nota in cui viene attaccato il rocker, non escludendo affatto il ricorso alle vie legali.

LA NOTA DELL'U.G.A. «Nelle ultime settimane - esordisce la nota dell'Unione Giovani Avvocati - siamo stati sommersi dalle richieste di intervento dei Colleghi di tutta Italia in ordine al brano 'Il muro del Suono', all'interno dell'album Mondovisione del cantante Sig. Luciano Ligabue, in cui appare filtrare una rappresentazione della figura dell'avvocato, a nostro parere, demagogica e non collimante con la realtà". L'Unione Giovani Avvocati continua dicendo che il ritardo della giustizia è "un dato oggettivo ed incontrovertibile" ma smentisce categoricamente l'assunto secondo il quale "causa che pende causa che rende".

MA LIGA SA CHE... E non si può dare torto ai legali, visto che se le sentenze arrivano dopo anni la colpa non è certo loro ma di aule di tribunali al collasso e di giudici sempre più ridotti all'osso che arrivano a fissare anche un centinaio di udienze al giorno per riuscire a calendarizzare le varie cause. Giudici che magari, dopo aver fatto attendere per ore gli avvocati, si fermano a metà dell'opera, rinviando le udienze residue a data da destinarsi per "eccessivo carico". Dimenticando, forse, che sono loro stessi a programmare e mettere in calendario un numero di udienze, oggettivamente in sovrannumero rispetto a quelle che realisticamente possono tenersi in sola una mattinata.

NON E' COLPA DEGLI AVVOCATI SE... E in tutto questo dove sarebbe la colpa degli Avvocati? Questa volta Ligabue forse è andato un pò al di là di quelle che sono le sue competenze e si è addentrato in una realtà a lui sconosciuta. Quando dice che gli avvocati brindano ai ritardi delle sentenze forse è consapevole o informato che tanti giovani avvocati attendono due o tre anni solo per farsi liquidare 200 o 300 euro per una causa davanti al Giudice di Pace?

SPESE LEGALI E con la crisi economica attuale, prima della causa si chiede sempre più spesso al cliente solo un rimborso spese (a volte neanche quello), aspettando poi l'esito finale per ricevere il meritato e sofferto compenso.

COSTI GIUSTIZIA E ancora, Ligabue sa che i costi della giustizia negli ultimi tempi sono aumentati a dismisura per scoraggiare l'insorgere di controversie (per non parlare dei continui capovolgimenti di fronte in tema di mediazione obbligatoria degli ultimi gioverni) e che i primi a rimetterci sono proprio gli avvocati?

L'APPELLO A LIGABUE Intanto, riprendendo la nota dell'Unione Giovani Avvocati, la stessa conclude lanciando un appello a uno dei rocker più amati dagli italiani e non solo: "Sarebbe utile che il Sig. Luciano Ligabue escludesse l'impressione che i colleghi hanno avuto ascoltando la canzone, anche perché molti di questi amano la musica del cantante emiliano e sono rimasti molto negativamente colpiti da questo possibile attacco alla figura ed alla professione di avvocato".

Liga torna sui tuoi passi, una nota stonata in tanti anni di carriera ai vertici può capitare.


ARTICOLI CORRELATI
I risultati, digitando il suo nome, sono collegati a foto hot e siti porno. Lei sbotta: "Non sono una prostituta"
Arrivano le sentenze su uno dei processi al malaffare nella sanità romana degli anni scorsi
Assenza fisica ma presenza spirituale
I PIU' LETTI IN RUBRICHE
1
Nella canzone il rocker attacca i legali che "alzano il calice al cielo sentendosi Dio" per il ritardo delle sentenze
2
Luttuosi, snob e cattivi
3
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ritiene illegittimo il regolamento della Cassa
4
Il magnate uzbeko Alisher Usmanov, amante dell'arte, ha un patrimonio stimato intorno ai 14 milioni di euro
5
Comunque la mettiate: le tette hanno e avranno sempre un potere. Soprattutto sulle donne
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency