Vuoi la tua pubblicità qui?
08 Maggio 2021

Pubblicato il

27 gennaio, il silenzio di Auschwitz e il giorno della memoria

di Redazione

Memoria che traspare ancora oggi terribilmente vivida e violenta, nelle dettagliate testimonianze dei sopravvissuti alla Shoah

Un baluardo a difesa della memoria. È così che mi sento, il 27 gennaio di ogni anno, da quando ho visitato i campi di concentramento e sterminio di Auschwitz-Birkenau. Memoria che traspare ancora oggi terribilmente vivida e violenta, nelle dettagliate testimonianze dei sopravvissuti alla Shoah… e, soprattutto, nei loro occhi. Memoria di cui si può sentire ancora il terribile odore, in quell’assordante quiete che oggi ristagna nei ‘campi’ e che è annunciata da quel muto: “Grido di disperazione e ammonimento all’umanità sia per sempre questo luogo“… incarcerato in una lapide all’entrata. Il silenzio di Auschwitz/Birkenau è qualcosa di gelido, di più freddo della neve e del vento che ti pugnalano a ripetizione la faccia, quando lo attraversi in inverno. E’ una lama vecchia, sporca, arrugginita e poco affilata che ad ogni dettaglio affonda nelle tue certezze e nelle tue emozioni. Penetrandole, macchiandole, lacerandole. Per sempre.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Quello di Auschwitz/Birkenau è un silenzio che ti avvolge, che ti sconvolge, che ti riempie l’anima di stupore, di vuoto, di pietà, di un’estrema tristezza. E che, come una eco ovattata, quasi impercettibile, ti sussurra ad ogni passo: "Perché?". Non lo capirò mai… come tutti. Ma io ho sentito quel freddo, ho ascoltato quel silenzio. Io ho visto. Io so. E non dimenticherò. Perché ciò che è accaduto all’uomo laggiù, non dovrà mai più avere luogo. Un baluardo a difesa della memoria. È così che mi sento, il 27 gennaio di ogni anno, da quando ho visitato quei campi di concentramento e sterminio. Perché, come diceva Primo Levi: "Auschwitz è fuori di noi, ma è intorno a noi, è nell'aria. La peste si è spenta, ma l'infezione serpeggia: sarebbe sciocco negarlo".

Vuoi la tua pubblicità qui?

Foto di Alessio Biondino

Lo hanno trovato morto il piccolo Julen, in un pozzo, come Alfredino

Reddito di cittadinanza ai clochard, anche i senzatetto potranno averlo

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento