Vuoi la tua pubblicità qui?
01 Agosto 2021

Pubblicato il

31 luglio, Giornata Mondiale dell’Orgasmo

di Redazione

Solo il 15% delle donne lo raggiunge durante l’atto sessuale. 2 su 10 non lo hanno nemmeno mai provato

Solo il 15% delle donne raggiungerebbe l’orgasmo durante il rapporto sessuale e, addirittura, due donne su 10 non lo avrebbero mai provato durante il sesso coi propri partner (ad affermarlo è un sondaggio della Durex, svolto su 2000 clienti). Diverse ricerche evidenziano come le disfunzioni sessuali possano essere causa di disagi fisici o psicologici, mentre stati di depressione in entrambi i sessi possono essere alla base del calo del desiderio. La donna ha orgasmi sempre migliori col passare degli anni e raggiunge l’apice del miglior sesso all’età di circa 36 anni (a dirlo è uno studio del sito web Natural Cycles effettuato su 2600 utenti).

Dati piuttosto curiosi, certo. Ma che fanno anche riflettere sul binomio felicità-salute sessuale, sull’importanza degli orgasmi nella nostra vita e sul motivo per cui siano state istituite ben due giornate mondiali per celebrare il culmine del piacere sessuale dal punto di vista scientifico e divulgativo: siamo al quarto anno consecutivo della Giornata Mondiale dell’Orgasmo, fissata per il 31 luglio, mutuata dal National Orgasm Day, che ricorre in Australia, Stati Uniti e Regno Unito; e a dicembre c’è il Global Orgasm Day. Giornate, queste, che costituiscono un’occasione per riflettere sull’orgasmo e per approfondire i problemi che lo riguardano senza tabù e condizionamenti di sorta.

Un’opportunità per liberarsi dal pregiudizio, dall’imbarazzo e per poter parlare di un tema che interessa davvero tutti, anche se in modo molto soggettivo: secondo i sessuologi, ogni individuo deve ricercare e trovare la sua personalissima strada per il piacere, che è sempre diversa da quella degli altri. E deve farlo consapevole che questa ricerca necessita di molta pazienza, di una conoscenza approfondita di sé stessi, del proprio corpo, della libertà e della consapevolezza nel vivere le proprie sensazioni.

I disturbi legati alla sfera sessuale (anorgasmia, disfunzione erettile, disturbi dell’eccitazione, ansia da prestazione, difficoltà generale a trovare il benessere sessuale da soli o insieme a qualcun altro) possono provocare sofferenza psicologica e crisi di coppia, ma molto spesso rimangono silenti o vengono trattati dai cittadini come problemi irrilevanti o di cui non si può parlare con nessuno; nemmeno col proprio medico. Per vergogna, per tabù o per ignoranza.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La Was, l’Associazione mondiale della Salute sessuale, spiega nel suo opuscolo sulla Salute sessuale per il terzo millennio: Il piacere è, probabilmente, il più potente fattore motivante per il comportamento sessuale. Ignorare questo ruolo nel contribuire alla realizzazione della salute e della felicità umana è un grave errore”.

LEGGI ANCHE:

Vuoi la tua pubblicità qui?

Conte chiama Daisy Osakue: l'aggressione "Un gesto inqualificabile"

Osakue, Discobola nazionale italiana di colore, vittima di aggressione

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento