Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Novembre 2021

Pubblicato il

40 immigrati clandestini sorpresi in una palazzina a Marconi

di Redazione
Alloggiavano in situazione di degrado in zona Marconi. Segnalati 4 persone per sfruttamento

Nella giornata di ieri, gli agenti del Commissariato San Paolo, diretti dal dr. Filiberto Mastrapasqua, hanno effettuato un servizio straordinario per verificare la presenza di cittadini extracomunitari clandestini all’interno di alcune abitazioni in zona Marconi.

Vuoi la tua pubblicità qui?

In effetti da un controllo, all’interno di una struttura di via Oderisi da Gubbio, è stata rilevata la presenza di un gruppo di cittadini extracomunitari che alloggiavano in alcuni appartamenti in una situazione di degrado e di clandestinità.

Il servizio, predisposto e coordinato dal dirigente del Commissariato, è stato effettuato in collaborazione con il personale del XI Gruppo N.A.E. della Polizia Roma Capitale e dell’A.S.L. RmD – S.I.S.P.E.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Durante le verifiche sono state identificate più di quaranta persone extracomutarie, delle quali otto sono state accompagnate presso l’Ufficio Immigrazione di via Patini. La loro posizione è ora al vaglio degli investigatori.

Sono state elevate 23 sanzioni amministrative per la mancata presentazione della comunicazione di cessione del fabbricato, nonché 5 sanzioni amministrative per aver esercitato attività di affittacamere senza la prevista autorizzazione per una somma complessiva di ca 25.000/00 Euro.

Inoltre sono state evidenziate carenze igienico sanitarie punite con ulteriori cinque contestazioni amministrative elevate dal personale competente della ASL.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Accertate anche responsabilità connesse al favoreggiamento e sfruttamento dell’immigrazione clandestina contestate ai 4 conduttori locatari degli appartamenti che saranno sottoposte all’ attenzione della competente Autorità Giudiziaria.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo