Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Novembre 2020

Pubblicato il

A Roma Gemme dell’Impressionismo

di Redazione

Fino al 23 febbraio al Museo dell’Ara Pacis. Dipinti della National Gallery of Art di Washington

Dal 23 ottobre 2013 fino al 23 febbraio 2013 il Museo dell’Ara Pacis di Roma sarà l’unica tappa europea del tour che porterà per la prima volta fuori dalle sale della National Gallery of Art di Washington la collezione impressionista e post-impressionista del Museo con la mostra “Gemme dell’Impressionismo. Dipinti della National Gallery of Art di Washington. Da Monet a Renoir da Van Gogh a Bonnard”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ad occupare gli spazi espositivi del Museo dell’Ara Pacis di Roma saranno, infatti, artisti quali Manet, Monet, Degas, Renoir, Boudin, Pissarro, Bonnard, Toulose-Lautrec, Cèzanne, Gauguin, Van Gogh e Seurat.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Tra i tanti capolavori in mostra si potranno ammirare: Alle corse(1875) di Manet; Argenteuil (1872) di Monet; Madame Monet e suo figlio (1874); Raccogliendo i fiori (1875) e Giovane donna che tesse i suoi capelli (1876) di Renoir; Letti di fiori in Olanda (1883), tra le prime pitture di paesaggio di van Gogh; La battaglia dell’amore (1880) e le nature morte di Cézanne; Ballerine dietro le quinte (1876/1883) e Autoritratto con colletto bianco (1857) di Degas; Autoritratto dedicato a Carrière (1888 o 1889) di Gauguin; Studio per “La Grande Jatte” (1884-5) di Seurat; Carmen Gaudin (1885) di Henri de Tolouse-Lautrec.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Sarà esposta anche Sorella dell’artista alla finestra (1869), un’opera della protagonista femminile dell’Impressionismo Berthe Morisot, la cui pittura fu definita da Mallarmé come una sintesi di “furia e nonchalance”. Nasce così un percorso espositivo unico nel suo genere, una mostra volta a trasmettere e a comunicare una realtà insolita ed una visione dell’arte del tutto esclusiva, che si palesa in una collezione d’arte privata come questa, dove le opere sono acquisite secondo un’idea ed un gusto, del tutto personale quale quello del collezionista, filtrato, intimo, ma con la forza comunicativa che solo i grandi capolavori possiedono.

La mostra, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica- Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, National Gallery of Art di Washington e organizzata da Zètema Progetto Cultura, è a cura di Mary Morton, responsabile del Dipartimento Pittura Francese della National Gallery con il coordinamento tecnico-scientifico per la Sovrintendenza Capitolina di Federica Pirani.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento