Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Ottobre 2020

Pubblicato il

Accordo Regione-La Sapienza su Umberto I

di Redazione

Dopo 11 anni di attesa siglata l'intesa sulla gestione del policlinico

Dopo 11 anni di attesa, la Regione Lazio e l'università La Sapienza hanno siglato un protocollo d'intesa per la gestione del policlinico Umberto I, del Sant'Andrea a Roma e dell' Asl di Latina per le unita' operative e programmatiche a direzione universitaria.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il documento, firmato oggi dal governatore, Nicola Zingaretti, e dal rettore Luigi Frati, ha durata triennale e sara' sottoposto domani all'esame del tavolo tecnico ministeriale per la verifica del piano di rientro, visto che era uno dei provvedimenti mancanti. Il protocollo, tra i tanti aspetti, disciplina la nomina del direttore generale, che sara' nominato dal presidente della Regione d'intesa con il rettore dell'università. Prima era l'università a nominare il direttore, con parere della Regione.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L'organizzazione dell'azienda sara' poi definita con atto aziendale e sara' articolata in Dipartimenti costituiti da Unita' operative complesse e semplici. Regione e università condividono la necessita' di riqualificare la rete dell'offerta. Entro 30 giorni sara' quindi attivato un tavolo permanente tecnico per affrontare le questioni connesse alla ristrutturazione. L'università, al fine di consentire lo svolgimento dell' attività didattica, oggi espletata negli spazi del Sant'Andrea, sara' autorizzata dalla Regione a realizzare una nuova costruzione.

Inoltre Regione e università impegnano le aziende ospedaliere a disporre che l'attività di intramoenia sia effettuata unicamente all'interno delle aziende medesime. Sempre scorrendo il protocollo si evince che l'azienda ospedaliera, per la gestione economico-finanziaria, dovrà uniformarsi alle modalità della Regione quanto a monitoraggio della spesa, rispetto dei decreti commissariali, determine dirigenziali e circolari.

Vuoi la tua pubblicità qui?

In caso di risultati negativi, rispetto al budget concordato con la Regione, la stessa Regione e l'Università concorderanno un apposito piano triennale di rientro che andrà verificato ogni anno. (Mel/Dire)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento