Vuoi la tua pubblicità qui?
15 Agosto 2020

Pubblicato il

Storia incredibile

Acilia, padre e figlio indigenti raggirati da falsa incinta che gli sottrae casa

di Redazione

Falsa incinta: la donna ha finto una gravidanza raggirando padre e figlio con incapacità di intendere pienamente, minacciandoli per anni

Falsa incinta, pancione
Falsa incinta, pancione

Donna falsa incinta. simula una gravidanza per sottrarre la casa a due persone fragili. Grazie all’intuito del comandante della Stazione dei Carabinieri di Ponzano Romano, padre e figlio romani sono rientrati in possesso di un appartamento ad Acilia. La casa gli era stata assegnata per indigenza dal Comune di Roma, dopo averlo liberato da una famiglia che con raggiri glielo aveva sottratto illegittimamente.

Ad agosto 2019 i Carabinieri della Stazione di Ponzano Romano avevano controllato in strada due soggetti, giunti da poco a Filacciano, altro Comune della giurisdizione della Stazione Carabinieri di Ponzano.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I due, padre e figlio, in evidente condizione di indigenza, avevano trovato rifugio in una piccola abitazione ed erano stati osservati in più occasioni a mendicare.

Falsa incinta, il raggiro

Dopo averli identificati, il Comandante della Stazione aveva scoperto che si trattava di padre e figlio italiani e che entrambi percepivano una pensione. A quel punto si e’ insospettito ed ha voluto approfondire la loro condizione socio economica. Da accertamenti successivi, i Carabinieri, grazie al rapporto empatico creato con le vittime, sono riusciti a farsi raccontare il raggiro che avevano subito da una donna.

Assegnatari, sin dall’anno 2005, di un immobile di proprietà del Comune di Roma Capitale, sito in località Acilia, nel 2013 erano stati avvicinati da una donna che si era resa disponibile ad aiutarli nella gestione delle loro faccende domestiche.

Ma in realtà la stessa, ha fatto credere loro, falsamente, di essere in attesa di un bambino (gravidanza non sarebbe poi stata portata a termine). La paternità era attribuita al più giovane dei due raggirati, ha così estorto denaro al presunto futuro padre. Tra il 2013 e il 2016, beneficiando di quasi l’intero importo di una eredità, per circa 30mila euro, oltre a 500 euro mensili. Agli inizi dell’anno 2016, la stessa donna aveva presentato ai raggirati un’altra persona, intenzionata ad acquisire l’immobile del comune di Roma in cui i due vivevano.

La donna aveva così indotto le sue vittime, dietro la promessa di curare i loro interessi, ad abbandonare definitivamente l’immobile di Acilia. Questo è accaduto nel mese di agosto dello stesso anno 2016, quando i raggirati furono estromessi definitivamente dalla casa popolare di Acilia. I due hanno poi trovato altri piccoli alloggi di fortuna.

La vita nella roulotte e le minacce di morte

Ma le incessanti richieste di denaro da parte della donna, hanno costretto addirittura padre e figlio a vivere all’interno di una roulotte, parcheggiata in un deposito di ponteggi in zona Acilia. I due per sdebitarsi con il proprietario, svolgevano mansioni di custodi.

In più occasioni padre e figlio, estromessi abusivamente, erano poi tornati presso l’abitazione occupata dall’uomo che aveva promesso loro di acquistare la casa. Ma che invece la abitava abusivamente con moglie e 2 figli. La risposta? Questi li aveva minacciati di non rivolgersi ai Carabinieri poiché in caso contrario “li avrebbe bruciati all’interno della roulotte”.

Al termine dell’indagine condotta dai Carabinieri di Ponzano, la donna ed il suo complice che illegittimamente occupava l’abitazione, sono stati denunciati per circonvenzione di incapaci, truffa ed estorsione.

I Carabinieri infatti, hanno chiesto ed ottenuto dalla Procura della Repubblica di Roma una perizia psicologica. La perizia ha dimostrato le minorate capacità delle vittime, di cui hanno approfittato i due truffatori.

Ieri, con un lieto fine della storia, padre e figlio sono tornati nella materiale disponibilità della loro abitazione. Grazie alla sensibilità e acume investigativo dei Carabinieri di Ponzano e potranno evitare di mendicare.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento