Agenore Maurizi è il nuovo tecnico del Teramo: obiettivo la salvezza

Il Teramo ha deciso: Agenore Maurizi è il nuovo allenatore. Reduce da una salvezza alla guida della Reggina, il tecnico originario di Artena in provincia di Roma, è stato ingaggiato per cercare di raggiungere la salvezza; dopo sei giornate il Teramo occupa la terzultima posizione in classifica con 6 punti.

“Sono emozionato perché Teramo rappresenta una piazza esigente, calda e competente – le parole di Maurizi durante la presentazione che si è tenuta ieri pomeriggio – È una grande opportunità quella concessami dal club, nata nel tardo pomeriggio di ieri. Il nostro, d’altronde, è un mestiere costantemente a rischio e siamo i primi a pagare in caso di risultati negativi – aggiunge il nuovo tecnico La mia idea è proiettata agli allenamenti ed all’importante sfida di mercoledì con il Fano. Dobbiamo operare insieme per l’obiettivo prefissato: sono abituato a lavorare e non sono affatto catastrofista sull’organico a disposizione, perché ho guidato squadre anche più giovani in passato. Non credo in moduli prestabiliti, ma solo nei principi di gioco: voglio un calcio di comando sia in fase di possesso che di non possesso, ma non c’è mai una ricetta unica, perché le situazioni vanno vissute quotidianamente e l’obiettivo è quello di portare i ragazzi ad uno stato ottimale”.

Un percorso che non sarà semplice, anzi, sarà lastricato da molte insidie, ma Maurizi è pieno di entusiasmo: “L’entusiasmo è contagioso e tutti dobbiamo essere contagiati dall’entusiasmo. La vita sportiva è una e bisogna guardarla con ottimismo. Con l’aiuto di tutti riusciremo a fare qualcosa di importante”. Agenore Maurizi chiederà ai suoi nuovi calciatori di avere un approccio propositivo e cercare di padroneggiare la partita: “Dobbiamo essere consapevoli di quello che vogliamo fare. La consapevolezza deve essere il primo principio dell’essere umano. Ho rilevato una buona squadra”.  

LEGGI ANCHE:

Incidente Artena, camion perde grossi tronchi d'albero vicino alla Lidl

Vis Artena – Lupa Roma 2–1. Doppio Origlia e quarto posto in classifica