Al via questa sera la 27^ edizione del Palio delle Contrade di Artena

“Addì 3 del mese di agosto dell’anno del Signore 1600. Noi, Cardinale Scipione Borghese, nato Caffarelli, reggente per volontà di Dio e di Sua Santità Paolo V del Feudo di Montefortino, abbiamo invitato alla nostra tavola, l’Illustrissimo Governatore e la Sua Consorte insieme ai nobili Reggenti delle Contrade per discutere se anche quest’anno si potesse disputare il Palio in nome e in onore di Santa Maria Maddalena, nostra Signora e Patrona della città. Dopo aver ricevuto da loro i rapporti del buon andamento dei raccolti e dei possedimenti ed accertato che le famiglie che da loro dipendono godono di buona salute, abbiamo deciso che si potrà effettuare il Palio delle Contrade di Montefortino che si terrà dal 3 al 12 di agosto nella nostra Villa. Noi stessi abbiamo commissionato il Gonfalone del Palio all’artista a cui facciamo i nostri sentiti complimenti. Inoltre è stato eletto Signore della Festa l’Illustrissimo Governatore della città di Montefortino”.

La Cena Barocca apre ufficialmente la più coinvolgente manifestazione turistico-tradizionale-culturale di Artena: il Palio delle Contrade. La novità della ventisettesima edizione della manifestazione: la Cena Barocca verrà effettuata all’interno del parco di Villa Borghese, questa sera 3 agosto. Inoltre gli stand delle contrade saranno attivi e si potrà iniziare già da questa sera a degustare degli squisiti primi piatti e dell’ottima carne cotta alla brace, salsicce, braciole, pancetta, pecora, arrosticini, ecc.

La serata avrà inizio alle ore 19:30 con la Cena Barocca preceduta dallo spettacolo degli Sbandieratori, Alfieri e Musici del Cardinal Scipione Borghese e la sfilata dei nobili e popolani di ogni Contrada. Alla presenza del Cardinal Scipione Caffarelli Borghese si effettuerà il giuramento dei Capitani: Marco Ciafrei, capitano della contrada Selvatico sarà chiamato a lanciare la sfida agli altri capitani, che risponderanno alla sfida, giurando, a nome di tutti i rispettivi contradaioli di partecipare con lealtà e nel rispetto delle regole.

Con la Cena Barocca e la consegna delle spade ai Capitani partita la 27^ edizione che si svilupperà da sabato 4 a domenica 12 Agosto 2018 presso il parco della Villa Borghese. Ogni sera è previsto un gioco diverso per l’assegnazione di punti, ma tutto inizierà con la bella e sfavillante sfilata (che si terrà sabato 4 agosto) con i rappresentanti nobili e popolani con oltre mille persone ed animali tra muli, asini, cavalli e mucche che partirà dalla piazza della Vittoria dove l’erede Borghese darà la partenza il via alla rievocazione della visita di Papa Paolo V, al feudo di Montefortino avvenuta nel 1615 che all'epoca era retto da suo nipote Cardinale Scipione Borghese.

Da domenica, 5 agosto, le dieci contrade si contenderanno la vittoria disputando 21 giochi popolari: corsa con la carettella, canzone in dialetto, staffette maschile e femminile, sardamontone, tiro alla fune, corsa con il cerchio, salto della corda maschile e femminile, corsa con la botte, poesia in dialetto, battitura del grano, corsa con la conca, taglio del tronco, corsa con il sacco, percorso del contadino, tiro con l’arco, gioco del brigante, tiro con la fionda, quintana storica, corsa con il somaro.

Il tutto si svolgerà, come sempre, all’interno del meraviglioso parco della Villa Borghese di Artena il tutto sapientemente organizzato dall’Ente Palio presieduto da Alberto Riccitelli. Il Palio delle contrade di Artena è amore per il territorio, amore per la storia, per le vicende, per i personaggi che hanno animato la vita di questa stupenda città nel corso dei secoli. Per dieci giorni di agosto è garantito lo spettacolo e la gastronomia.

Questa sera, al termine della rappresentazione della Cena Barocca, si terrà lo spettacolo di Lando e Dino e a seguire lo spettacolo musicale con gli Scellerati.

La Redazione del Quotidiano del Lazio augura un buon Palio a tutti e che vinca il migliore.

Foto rappresentazione Cena Barcocca, Palio delle Contrade edizione 2017.

LEGGI ANCHE:

Artena, profumo di Palio. Intervista esclusiva ad Alberto Riccitelli

La tradizionale mietitura del grano, ad Artena un tuffo nel passato FOTO