Vuoi la tua pubblicità qui?
06 Luglio 2020

Pubblicato il

Alla Libreria Eli, “ScrittoMisto”, dal divertissement al libro

di Redazione

ScrittoMisto è un gioco. Ma fino a un certo punto. All’inizio i partecipanti neppure si conoscevano...

ScrittoMisto è un gioco. Ma fino a un certo punto. All’inizio i partecipanti neppure si conoscevano, accomunati solo dal gusto della lettura e dal piacere di scrivere; ora sono una comunità. L’idea di fondo è vedersi, darsi una traccia, un pretesto, un vincolo (tipo un incipit), una sfida… E un appuntamento, di lì a un mese; quando chi avrà scritto leggerà agli altri. Racconto, poesia, divagazione, qualunque cosa possa essere letta insieme in una manciata di minuti. Con semplicità, non pensate a un salotto letterario. Non si ha idea di quante e quali vie diverse possa prendere una singola traccia, coniata apposta non sui grandi temi dell’esistenza ma su immagini molto specifiche, apparentemente circoscritte. Traccia imposta che, anziché costituire un vincolo, si rivela uno stimolo all’immaginazione.

Ed è proprio per esaltare questi accostamenti impensati che l’atipica libreria romana ELI, crogiolo dell’esperimento, la più recente creatura del vulcanico Marcello Ciccaglioni, oltre a metterci lo spazio fisico e l’atmosfera (da circolo, da loft metropolitano), ha voluto, visti gli esiti, estendere il progetto fino a concepire – di concerto con Grazia Brogi e Mario Conti, ideatori e curatori del format e del relativo sito e con l’editore Francesco Palombi – un volume/ antologia del meglio della prima stagione di attività: Scrittomisto – Se una notte d’inverno in libreria. Che sarà presentato lunedì 2 dicembre, alle 19, presso ELI, viale Somalia 50A. Sei sezioni per sei bizzarre tracce diverse; ciascuna affrontata da più autori, ciascuno alla sua maniera. Quest’antologia non era programmata. E’ stata suggerita, anzi reclamata, dai fatti, dal clima che si è andato creando, dai risultati che venivano fuori dal lavoro appassionato e divertito di decine di autori, principali protagonisti del volume. Vedete? Si diceva “gioco, ma fino a un certo punto”.

Emanuele Trevi: "Lo scrittore deve trovare il modo di sedurre il lettore…"

Libreria Eli: giornata Mondiale della Poesia con dedica ad Alda Merini

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi