Vuoi la tua pubblicità qui?
10 Agosto 2022

Pubblicato il

Alta moda sostenibile made in Italy: Nyny Ryke è la regina dello stile africano

di Valeria Fossatelli
Nasce un nuovo brand dedicata alla moda sostenibile. Il nome del brand è quello della fondatrice, Nyny Ryke Goungou, nata in Togo e cresciuta in Italia, dove ha studiato moda sostenibile
Modella sfila con abito di Nyny Ryke Goungou

Il nome del brand è quello della fondatrice, Nyny Ryke Goungou, nata in Togo e cresciuta in Italia, dove ha studiato moda sostenibile.

Dietro il marchio etico e sostenibile Nyny Ryke c’è il direttore creativo Nyny Ryke Goungou. Di origini togolesi, si è laureata alla NABA di Milano in Fashion & Textile Design, successivamente gli studi master In modellista e Sartoria Industriale all’Istituto Secoli e poi Lingerie/Corseterie al Formamod di Parigi.

Ha lanciato il suo marchio nel 2014, realizzando inizialmente prodotti su misura e personalizzati e collaborando con aziende di moda.

Moda Sostenibile: la stilista Nyny Ryke


Solo nel 2020 ha deciso di fare della sua passione il lavoro principale. La stilista crea capi e accessori fondendo i tessuti tipici, i colori caldi della sua terra d’origine con la sensibilità e la classicità italiana, creando un legame perfetto tra tradizioni e modernità, artigianalità, maestria locale che racchiude perfettamente l’eleganza e l’allegria italiana. Ama sperimentare tessuti e materiali.

Questa curiosità e passione per la ricerca le ha permesso di brevettare una sua invenzione, nata dalla personale interpretazione del tessuto tradizionale Yoruba, per ottenere il lino kente “Kentelig” e il kente elasticizzato “Elasken”, ottenuto con l’aggiunta di fili elastici.
L’obiettivo del marchio è quello di promuovere in tutto il mondo tessuti e capi d’abbigliamento fatti a mano di qualità, “senza tempo” e “senza stagione”, con etica, creatività e sostenibilità.

Instagram Nyny Ryke: (@nynyryke)
Sito Ufficiale: https://www.nynyryke.com

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo