Vuoi la tua pubblicità qui?
08 Dicembre 2022

Pubblicato il

Ama Roma

Ama, netturbini disonesti: arriva il Generale della Guardia di Finanza

di Morena Di Giulio
Il presidente di Ama ha richiesto l'intervento di un ex generale della Guardia di Finanza contro i netturbini disonesti
Mezzo Ama Roma

Non c’è pace tra le mura dell’Ama. Tra i continui scandali e la difficoltosa gestione della raccolta rifiuti, le cose sembrano non arrivare mai a un felice epilogo. Giunge oggi la notizia della decisione della governance.

Per cercare di risollevare le sorti dell’azienda è stato infatti, annunciato l’arrivo di un generale della Guardia di Finanza in pensione. La sua missione: contrastare i furti di carburante da parte dei netturbini.

Oltre questo, certamene un compito complesso, il generale dovrà evitare lo strano “fenomeno” della combustione improvvisa dei mezzi. Salvaguardare (i pochi a dire la verità) impianti in funzione, controllare che i fornitori non speculino sui materiali da vendere alle officine e che nelle officine stesse non “spariscano” batterie o pneumatici.

Infine il generale in pensione, dovrà occuparsi della sicurezza informatica e di quella sui luoghi di lavoro.

Ad oggi, parrà incredibile, l’azienda ha una struttura interna dedita ai controlli, che però si occupa soltanto di salute e integrità dei lavoratori.

Pochi i camion sui quali risulta effettivamente montato il Gps per verificare che gli operai eseguano i giri di raccolta previsti. Dunque, è facile immaginare lo stupore del nuovo presidente Daniele Pace nel venire a conoscenza di tale disorganizzazione.

Il presidente infatti, ha prontamente richiesto che nella nuova macrostruttura venisse inserito anche un responsabile della sicurezza a 360 gradi.

Decisione quantomai necessaria anche alla luce degli arresti del 6 ottobre scorso, durante un’operazione delle forze dell’ordine che ha portato a un’ordinanza della Procura di Roma che ha emesso di custodia cautelare per 10 dipendenti e tre loro complici.

Le accuse: furto di carburante per mezzo di un tubo per svuotare i camion e uso non autorizzato delle carte di credito aziendale. Il bottino pari a migliaia e migliaia di litri di gasolio, che finiva per essere rivenduto oppure usato per il pieno delle loro auto private.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo