06 Agosto 2020

Pubblicato il

Anzio, nigeriano 24enne preso a bastonate da due ragazzi per odio razziale

di Redazione

Tutto sarebbe accaduto quando i due ragazzi, condomini dello stesso palazzo, hanno visto passare davanti la loro abitazione il giovane straniero. Prima gli insulti, poi i fatti

Lesioni personali aggravate dalla discriminazione razziale in concorso. Con questa pesante accusa i Carabinieri di Anzio (Rm), intorno alle 13 di oggi, hanno arrestato un 18enne e denunciato un 17enne colti in flagrante mentre stavano picchiando con delle mazze un 24enne nigeriano. Secondo una prima ricostruzione tutto sarebbe accaduto poco prima dell'ora di pranzo quando i due ragazzi, condomini della stessa palazzina, hanno visto passare davanti la loro abitazione il giovane straniero.

Dagli insulti verbali a sfondo razzista, i due italiani sono passati rapidamente ai fatti e una volta scesi in strada hanno aggredito fisicamente il nigeriano. Dopo una prima colluttazione però la vittima è riuscita a divincolarsi e a fuggire. Non contenti, gli italiani sono rientrati nelle loro abitazioni, ne sono usciti poco dopo armati di due mazze e si sono messi all'inseguimento del nigeriano.

Il duo di aggressori non poteva sapere però che a vederli correre armati di bastoni c'erano alcuni Carabinieri in borghese che hanno allertato i colleghi della Stazione e della Compagnia di Anzio. I militari, dopo brevi ricerche, hanno trovato i due italiani intenti a prendere a bastonate il 24enne nigeriano che nel frattempo era stato raggiunto.

Immediato l'intervento dei Carabinieri. Il ragazzo africano è stato medicato e giudicato guaribile con 7 giorni di prognosi per una ferita lacero contusa alla testa è una contusione alla spalla. Per l'aggressore maggiorenne sono scattate le manette per il minore la denuncia. Al vaglio i reali motivi dell'aggressione, anche se al momento pare che tutto sia stato scatenato dall'odio razziale dei due italiani nei confronti della vittima che stava passando davanti alla loro casa. (Ago/ Dire) 

 

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi