Vuoi la tua pubblicità qui?
10 Maggio 2021

Pubblicato il

Anzio, salva una donna che stava annegando in mare e poi si sente male

di Redazione

Il ministro Trenta su Facebook: "Forza Danilo, recupera in fretta e ritrova le energie anche grazie al calore di tutti noi"

Ha salvato una bagnante che stava annegando e poi si è sentito male ed è finito in ospedale. Protagonista della vicenda, accaduta sabato ad Anzio, è stato un maresciallo dei Carabinieri di Latina libero dal servizio. L'uomo, che stava passeggiando con il figlio presso il lido Rivazzurra, ha notato una 50enne in difficoltà in mare. Il militare si è tuffato in acqua e ha salvato la donna. Una volta tornato a riva, però, l'uomo ha accusato un malore ed è finito in ospedale.

Al maresciallo ha dedicato un post su Facebook il ministro della Difesa Elisabetta Trenta: "Forza Danilo! Danilo è un Maresciallo Capo dei Carabinieri e ieri mattina stava passeggiando con suo figlio ad Anzio, sulla spiaggia, quando le urla provenienti dal mare hanno richiamato la sua attenzione. Una donna stava annegando. Danilo ha lasciato la mano del bambino e si è tuffato in acqua nuotando come un campione olimpico portando la donna sino alla boa più vicina. Lì, in balia delle onde, hanno atteso l’arrivo dei soccorsi mentre il Maresciallo rasserenava la donna. Giunti in spiaggia, anche Danilo ha avvertito un malore ed è stato soccorso". 

Vuoi la tua pubblicità qui?

"Forza Danilo – ha aggiunto il ministro -, recupera in fretta e ritrova le energie anche grazie al calore di tutti noi. Hai salvato una vita, sei un eroe e quegli Alamari davvero li hai cuciti sulla pelle perché non si potrebbe spiegare altrimenti la forza e il tuo infinito coraggio".

Vuoi la tua pubblicità qui?

 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Leggi anche:

Anzio, sversamenti di letame in mare. Il sindaco: "Grave atto illecito"

Anzio, Festival Street Food: boom di presenze, oggi ultima serata

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento