Vuoi la tua pubblicità qui?
26 Luglio 2021

Pubblicato il

Arbitri, cartellini e colori: ora tocca al verde

di Redazione

di Massimo Persotti

Ci mancava il verde! Colore da sempre associato alla speranza e alla natura, ora potrebbe diventare simbolo anche del fair play. Almeno nel calcio. La serie B italiana infatti da quest'anno doterà i direttori di gara di un terzo cartellino, oltre ai canonici giallo e rosso. Il cartellino verde. Non servirà per punire un intervento falloso o una protesta esagerata. Tutt'altro. L'arbitro lo sventolerà in faccia al giocatore più corretto, protagonista di un gesto all'insegna della lealtà e della sportività. Qualità che nel nostro calcio, sappiamo bene, non abbondano di certo. E a fine stagione, chi avrà accumulato più cartellini verdi sarà premiato. Come fosse una raccolta punti. Falso moralismo? Può darsi, ma almeno è un tentativo per riaffermare i valori della sportività. 

C'è da dire che la scelta del verde ha evidentemente avuto la meglio sul viola che fino a qualche tempo fa contrassegnava un premio fair play (appunto, 'Cartellino Viola') assegnato proprio da Andrea Abodi, presidente della serie B: tre anni fa, toccò a Simone Farina, coinvolto nel 2011 nel calcio scommesse e diventato celebre per aver rifiutato di truccare una partita di Coppa Italia.

Ma facciamo un passo indietro, per scoprire come l'idea dei cartellini colorati nel calcio è di tal Ken Aston, alle cronache italiche più noto per aver arbitrato in maniera scandalosa Cile-Italia nei mondiali sudamericani del 1962. Fu, insomma, il Moreno ante-litteram. Ma Aston nella storia del calcio resterà per ben altro. Si racconta che all'indomani di un durissimo Inghilterra-Argentina, i fratelli Jack e Bobby Charlton scoprirono di essere stati ammoniti leggendo i giornali perché l'arbitro, che parlava solo tedesco, non era stato capace di avvertirli durante la partita. E Aston ricorda come osservando i semafori che diventavano gialli e poi rossi, comprese che per capirsi sui campi di tutto il mondo bastavano proprio quei due colori.

Giallo, rosso, ora il verde. Non una vera novità cromatica tra i provvedimenti arbitrali nello sport. Già perché il verde è il colore del cartellino che nell'hockey su prato identifica l'espulsione temporanea. Analoga punizione ma tinta diversa per hockey su pista e hockey a rotelle: blu. Nel rugby invece si torna al giallo per l'espulsione temporanea e al rosso per la definitiva. Per pallanuoto e hockey su ghiaccio invece è l'arancione che punisce temporaneamente un atleta 'cattivo'.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Proprio all'arancione si ispirò qualche anno fa Pierluigi Collina quando si pensò di introdurre sperimentalmente anche nel calcio l'espulsione a tempo. Ne ha riparlato un anno fa il presidente dell'Uefa, Michel Platini, questa volta però lanciando il cartellino bianco. Spiegò Platini: "Il cartellino bianco riduce la tensione rispetto al ricorso ai cartellini gialli e rossi". Potere dei colori. In alcune categorie calcistiche, come il Csi, il colore adottato è invece l'azzurro, ad esempio, per colpire chi bestemmia in campo. Forse per tali atti servirebbe il nero ma, chissà come mai, proprio il più negativo tra i colori è rimasto fuori dal ventaglio dei cartellini arbitrali degli sport. In verità, uno sport lo prevede ed è la scherma. Il nero punisce le offese alla sportività, la disonestà, il rifiuto della stretta di mano all'avversario. Non sorprende, per una disciplina, tra le più antiche, considerata come un'arte.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento