Vuoi la tua pubblicità qui?
26 Ottobre 2020

Pubblicato il

Arce, per l’omicidio di Serena Mollicone il Comune si costituisce parte civile

di Eleonora Cantini

Anche la cittadinanza di Arce si considera parte lesa per l'efferato omicidio della ragazza. Il 7 febbraio è prevista la seconda udienza

Il Comune di Arce, piccola cittadina in provincia di Frosinone, è giunto alla ribalta per il tragico episodio di cronaca nera avvenuto nel Giugno del 2001.

Pochi giorni dopo la scomparsa, ad Arce venne ritrovato il cadavere di Serena Mollicone, una ragazza che all’epoca aveva solo 19 anni.

Vuoi la tua pubblicità qui?

A distanza di così tanto tempo, la magistratura non ha ancora scritto la parola fine al caso.

Le dichiarazioni del Comune

In vista della prossima udienza, il Comune di Arce, dove risiedeva la ragazza e dove è stato trovato il corpo, ha annunciato in una nota che si costituirà parte civile.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La decisione è stata presa con la delibera n.13 del 23 Gennaio dalla giunta municipale presieduta dal sindaco Luigi Germani.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Già prima del 15 Gennaio, data dell’udienza preliminare al Gup, il Comune aveva chiesto agli uffici e al legale dell’Ente di predisporre gli atti per la costituzione di parte civile.

Nella nota diffusa in giornata, il Comune di Arce esprime tutta la sua vicinanza a Guglielmo Mollicone, padre di Serena, che da tantissimi anni lotta affinché sua figlia possa ottenere giustizia.

Le motivazioni che hanno spinto il Comune a compiere questa scelta in caso di rinvio a giudizio degli imputati sono: il danno d’immagine e un delitto particolarmente efferato, che provocato turbamento e impedito agli abitanti di Arce di condurre una vita tranquilla nel proprio territorio.

Quindi oltre che alla famiglie Mollicone e Tuzi, anche la cittadinanza di Arce si sente parte lesa per la morte di Serena.

L’omicidio di Serena Mollicone

Il nodo più grande che resta da sciogliere in questa vicenda giudiziaria è la colpevolezza o meno di Franco Mottola, ex comandante della caserma di Arce, e suo figlio Marco.

Il padre di Serena non ha mai smesso di gridare che la figlia fosse stata uccisa all’interno della caserma dei Carabinieri di Arce, dove si era recata la mattina della scomparsa a denunciare i traffici di droga di Marco Mottola, figlio del comandante.

La seconda udienza

La seconda udienza davanti al Gup di Cassino è prevista per il 7 Febbraio. A processo figurano Franco Mottola, la moglie Anna, il figlio Marco con l’accusa di omicidio volontario.

Imputati inoltre due carabinieri, il luogotenente Vincenzo Quatrale con l’accusa di concorso morale esterno in omicidio e l’appuntato Francesco Suprano, con l’accusa di favoreggiamento.

 

Leggi anche:

Terracina, finiscono con l'autobotte in un canale: feriti tre Vigili del Fuoco

Formello, Roma. Insulti e schiaffi ai bambini, maestre ai domiciliari

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento