Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Dicembre 2021

Pubblicato il

Ariccia. Violenze nell’asilo: arrestate tre maestre e una bidella

di Redazione
Maltrattamenti fisici e verbali, con episodi ripetuti e documentati da intercettazioni e riprese video

È accaduto di nuovo. E ogni volta si rimane increduli, di fronte all’idea che delle maestre dell’asilo, o delle elementari, arrivino a maltrattare ripetutamente i bimbi che sono stati affidati loro: e per di più a farlo con stizza, con ostinazione, con cattiveria.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Questa volta è avvenuto ad Ariccia. Dove le persone arrestate sono addirittura quattro: tre insegnanti e una collaboratrice scolastica, tutte di un’età compresa tra i 55 e i 65 anni. Il che le rende ancora più colpevoli, perché avrebbero dovuto essere delle donne ormai mature e capaci di un adeguato autocontrollo.

Da questa mattina, comunque, non sono più nella condizione di nuocere. A bloccarle, nelle rispettive abitazioni di Velletri, Albano, Ariccia e Formia, sono stati i Carabinieri, che le hanno immediatamente sottoposte agli arresti domiciliari.

Le indagini, condotte dai militari della stazione di Ariccia e della Compagnia di Velletri, hanno preso il via nell’ ottobre scorso, dopo che alcuni genitori avevano denunciato di temere che i loro figli venissero appunto maltrattati. Come sempre, in questo genere di casi, si è dovuto procedere agli accertamenti con estrema cautela, ricorrendo a intercettazioni ambientali e a riprese video.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ciò che è emerso è che purtroppo i sospetti erano fondati: i soprusi si ripetevano quotidianamente, passando dalle piccole ma insistite violenze fisiche, come gli strattonamenti e le pacche in testa, alle angherie verbali.  

Vuoi la tua pubblicità qui?

VIDEO/ Botte e insulti ai bimbi dell'asilo di Ariccia: immagini choc

Una perversa routine che il Giudice per le Indagini Preliminari non ha esitato a definire, nell’ordinanza che ha disposto le misure cautelari, di “sopraffazione sistematica”.

Leggi anche:

Decreto sicurezza. Leoluca Orlando: “A Palermo non lo applico”

Supercoppa Italiana. Ohibò: in Arabia Saudita le donne sono discriminate

Autostrade. Nuovi tutor in nome della sicurezza: per chi ci crede

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?