Vuoi la tua pubblicità qui?
01 Agosto 2021

Pubblicato il

Artena, il punto della situazione su Piana della Civita

di Miriam Gualandi

“Piana Civita è il nostro tesoretto” afferma il Sindaco “e questi pilastri parlano della nostra storia”

Domenica 2 agosto nella Sala Consiliare dell’ex granaio borghese si è tenuto un incontro alla presenza del Sindaco e dell’assessore Alessandra Bucci, riguardo gli scavi effettuati e tutt’ora in corso nel sito archeologico di Pina Civita, presentati dal Prof. Jan Gayden e dalla Prof.ssa Cécile Brouillard.  Durante l’incontro è stato ripercorso il lavoro effettuato negli ultimi due anni e le scoperte fatte, illustrate da alcune slide che spiegavano ai presenti le varie fasi degli scavi.

Dopo la riapertura del museo civico, il 14 febbraio 2014, il Presidente del gruppo archeologico ha voluto complimentarsi con il Sindaco e l’Amministrazione, affermando che “finalmente dopo 40 anni un’amministrazione che fa ciò che aveva promesso”. Secondo quanto riportato dai due professori intervenuti durante il dibbattito, il lavoro effettuato lo scorso anno, coadiuvato con gli studenti della Temple University (Pennsylvania) e gli studenti artenesi, ha riportato grandi soddisfazioni: tra le varie scoperte si contano il ritrovamento di una piccola cisterna e di un’anfora dal bollo greco all’interno del muro della cisterna. Quest’anno i lavori sono andati avanti, nonostante le difficoltà, e hanno riportato alla luce un’altra parte della villa in cui sono presenti i resti di un incendio  e un’anfora bruciata contenente dei resti granulosi, probabilmente di grano.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I lavori, quindi, procedono bene e continuano a dare ottimi risultati: tuttavia il lavoro da svolgere è ancora tanto e c’è bisogno anche dell’aiuto dell’Amministrazione; a proposito di questo, infatti, l’assessora alla cultura ha tenuto a sottolineare che “da parte nostra ci deve essere  collaborazione per agevolare il lavoro che gli archeologi vanno a svolgere”. Tra le richieste espresse da Cecile Brouillard, portavoce del gruppo, c’è la rimozione di una copertura che impedisce di lavorare su un mosaico all’interno della villa, sistemare un muro  che rischia di cadere e liberarsi di alcune pietre che ostruiscono la strada e impediscono di allargare gli scavi.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento