Vuoi la tua pubblicità qui?
11 Giugno 2021

Pubblicato il

Artena, il ricordo di Domenico Prosperi, singolare servitore dello Stato

di Manuel Mancini

Il poliziotto deceduto trentuno anni fa a seguito di un conflitto a fuoco ingaggiato con una banda di rapinatori

Ad Artena una giornata in ricordo dell’Assistente Domenico Prosperi, il poliziotto deceduto all’età di 33 anni trentuno anni fa a seguito di un conflitto a fuoco ingaggiato con una banda di rapinatori che avevano appena svaligiato la filiale di un istituto di credito. Questa mattina, martedì 19 febbraio 2019, presso il cimitero di Artena si è celebrata la commemorazione di Mimmo, con la presenza della famiglia, del personale del Commissariato di Colleferro con a capo il Dirigente dottor Angelo Vitale, in rappresentanza anche del Questore di Roma, del personale della compagnia di Roma e di Don Tagliente.

Domenico Prosperi: il poliziotto artenese deceduto a seguito di un conflitto a fuoco avvenuto durante una rapina in banca l’8 febbraio del 1988. Mimmo, così lo chiamavano gli amici, è morto 11 giorni dopo in ospedale per le ferite riportate durante la sparatoria. A Domenico Prosperi ad Artena è stata dedicata una strada, quella che da via Valmontone, rotatoria Lidl, porta a via Valle dell’Oste, mentre a Brescia, lo scorso anno, gli è stata intitolata l’aula magna della Questura e una targa è stata posta nella strada, via Gramsci, teatro della sequenza terribile di quell’8 febbraio.  

Dal Giornale di Brescia prendiamo e riportiamo la ricostruzione di quella terribile mattina.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Le cronache dell’epoca riportano alle 9:15 del mattino. Brescia, via Gramsci, pieno centro. Un’Audi 80 vomita sull’asfalto tre giovani ben vestiti. Sono una batteria di banditi bergamaschi. Caso vuole proprio come i due componenti della temutissima banda della Val Cavallina (tra cui il capo, Pierluigi Facchinetti) ai quali due mesi prima, gli stessi poliziotti di lì a poco chiamati a intervenire avevano teso una trappola a Polaveno mentre trasportavano un carico di armi. I tre varcano la soglia della filiale della Bpl. Due pistole e un mitra in pugno. “Questa è una rapina”. Seguono due minuti da incubo per la quindicina di presenti. Poi il terzetto fugge. Nel frattempo, però, è scattato l’allarme. La Questura ha girato la chiamata a una pattuglia di agenti in borghese della Sezione antirapina della Squadra Mobile: Domenico Prosperi, un omone, poliziotto esperto, e la sua giovane collega, Maria Angela Natali, 23 anni. I due poliziotti arrivano su un’auto civetta. Prosperi coglie qualcosa, ordina alla collega di parcheggiare più avanti, poi i due scendono a piedi. Il poliziotto capisce che se qualcosa deve accadere, accadrà in strada. E per questo manda dentro l’istituto di credito la giovane agente, tentativo estremo di proteggerla. Due malviventi hanno già raggiunto l’Audi insospettabile, il terzo, impermeabile e bavero alzato, esce dalla bussola della banca, in fondo all’androne, proprio mentre vi entra la poliziotta.

Sono passati due minuti. Ma quello più terribile deve ancora scorrere: “Via Gramsci, inferno di fuoco” titola il GdB dell’epoca. Non a caso. La poliziotta entra, intuisce, torna in strada in un lampo, scorge il malvivente incrociato estrarre un mitra e avverte i primi colpi. Allora corre e raggiunge via Gramsci, risponde al fuoco. Prosperi viene investito da cinque proiettili, ma spara senza riserve. Due banditi fuggono sull’Audi, trovata poi a Brescia 2, con fori di proiettile e una gomma a terra. L’epilogo. Ecco, a terra in via Gramsci restano uno dei rapinatori, Erminio Lorenzi, 34 anni, pedigree criminale, il bottino di circa 900 milioni di lire, e Domenico Prosperi, che pensa anzitutto a rassicurare la collega: “Sto bene” sembra dirle con lo sguardo, ma il sangue che perde racconta altro. Il bandito viene operato, si riprende, tace, va in coma, si salva.

Sarà condannato a 27 anni di carcere, ridotti a 24 in appello. Uno dei due complici, pentito e senza nome nelle cronache, perché privo di protezione, confesserà 11 anni dopo, rimediandone 10 di reclusione. Lui stesso farà il nome del terzo bandito, quello che a suo dire colpì Prosperi: Renato Facchinetti, già morto all’epoca.

L’agente lotterà undici giorni al Civile. Riceverà autorità, familiari, amici. Scherzerà con loro, nonostante le ferite e l’intervento. Penserà ancora una volta agli altri: ai colleghi assicura che donerà quanto gli verrà donato per riconoscenza dalla banca al figlio di un altro poliziotto, un bimbo di 17 mesi, per il quale urge il costoso trasferimento a Bruxelles per un delicato intervento. Quell’intervento riuscirà, ma Domenico Prosperi non lo saprà mai: un embolo è più veloce e non gli dà scampo. Muore il 19 febbraio. Il 22 dalla città si leva un lungo applauso mentre il suo feretro lascia il Duomo. Quell’applauso che nel ricordo non si spegne, anzi, ora si rinnova. Trentuno anni dopo. Perché gli esempi sono per sempre. E il valore di un uomo non si misura col tempo che passa.

Vuoi la tua pubblicità qui?

LEGGI ANCHE:

Arce, Serena Mollicone: uccisa da figlio del comandante dei Carabinieri

Manuel Bortuzzo: “Adesso comincia l’allenamento”. Il VIDEO del ragazzo

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento