Martedì 28 Gennaio 2020 ore 01:21
SPETTACOLI ROMA
Alla Casa del Jazz di Roma il tributo a Kenny Wheeler
Grande partecipazione di pubblico e di artisti per il concerto in onore del grande trombettista scomparso

Finalmente la Casa del Jazz di Roma è stata restituita alla sua iniziale ed autentica funzione: quella di rappresentare un punto di riferimento e di incontro per tutti gli appassionati di jazz di Roma e non solo.

Dopo una poco felice (e direi, poco edificante) parentesi, in cui hanno prevalso logiche ed interessi partitici in base ai quali la Casa del Jazz è stata adibita a sede di contorno di manifestazioni caserecce che con il jazz nulla hanno a che spartire, ieri sera è andato in scena un evento bellissimo e di grande pregio musicale: la partecipazione sul palco dei migliori jazzisti italiani per un concerto in onore di Kenny Wheeler (da tempo malato e purtroppo scomparso lo scorso 18 settembre). L'incasso è stato interamente devoluto alla vedova di Wheeler, in difficoltà economiche ed anch'essa malata.

Danilo Rea, Fabrizio Bosso, Rosario Giuliani, Stefano Di Battista, Fabio Zeppetella, Enrico Pieranunzi , Maurizio Giammarco, Maria Pia De Vito, Ada Montellanico, Xavier Girotto e tanti altri, con i rispettivi gruppi ed anche in session tra loro, hanno dimostrato una grande sensibilità artistica ed umana partecipando al concerto ed interpretando e suonando brani composti da Wheeler.

Secondo lo scrivente, in grande spolvero Bosso e Giuliani, protagonisti di un duetto sax e tromba da grandi virtuosi dello strumento, com'è nella tradizione del bebop parkeriano.

Danilo Rea, con il suo gruppo Doctor 3, ha come al solito incantato per sonorità e classe.

Enrico Pieranunzi, icona e grande leone del jazz italiano, ancora sulla breccia, ha eseguito in quintetto un brano da lui composto in onore di Wheeler dal titolo "Song for Kenny".

Quest'ultimo è stato più volte ricordato, da molti dei musicisti che hanno avuto l'occasione e la fortuna di suonare con lui, come un uomo mite e gentile, ma allo stesso tempo musicalmente geniale e scrupoloso. Il rammarico per averlo perso è stato sincero nelle parole di apprezzamento di più un musicista.

Ci fa piacere, infine, che la Casa del Jazz  abbia riaperto i battenti rispettando il suo ruolo istituzionale ed ospitando una bellissima manifestazione di grande spessore culturale. Lo prendiamo come buon auspicio per il futuro...


ARTICOLI CORRELATI
Là dove il rosmarino fiorisce e dove l'acqua ancora scorre dalle sorgenti, frutti d'ombra cadono dai muri
Uno spettacolo di tango tradizionale e contemporaneo, ma non solo, per un’intrigante serata di sound latinoamericano
L’idea portante di questa edizione di Music Live è quella di mescolare strumenti e linguaggi apparentemente distanti tra loro ma
I PIU' LETTI IN SPETTACOLI
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Il nuovo adattamento di Captain Tsubasa è composto da 52 episodi
Data di pubblicazione: 2020-01-02 14:08:12
2
La questione immigrati se bene affrontata può portare benefici, anche in termini politici. Intanto il comico pugliese si gode l'ennesimo pienone nei cinema
Data di pubblicazione: 2020-01-03 13:16:05
3
Dal 21 gennaio al 2 febbraio debutta al Teatro Roma con lo spettacolo "Due botte a settimana" a fianco di Marco Marzocca e Leonardo Fiaschi
Data di pubblicazione: 2020-01-13 15:00:30
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]