Martedì 16 Luglio 2019 ore 13:05
CRONACA VITERBO
Pestata e insultata dal marito perché non si converte all'Islam
Orrore in provincia di Viterbo: un egiziano voleva anche strappare il figlio alla madre per indottrinarlo

Ha sopportato angherie, pestaggi e insulti per anni da parte del marito che dichiarava di agire in nome di Allah, forse anche per timore di perdere i suoi figli. Ma dopo le ultime botte, che l'hanno costretta ad andare in ospedale, ha deciso di rivelare l'inferno che ha vissuto per tanto tempo, chiedendo il divorzio. E' davvero tremenda la vicenda di una donna italiana della provincia di Viterbo, sposata con un egiziano dal quale ha avuto due figli, un maschio e una femmina.

Il matrimonio, purtroppo, si è ben presto trasformato in una prigione. L'egiziano, infatti, pretendeva che la moglie si convertisse all'Islam e, poiché lei si rifiutava, scattavano i pestaggi e insulti di vario genere. Le cose sono degenerate ulteriormente quando è nato il primogenito maschio, che il padre ha cercato immediatamente di indottrinare, usando anche le cattive maniere. La figlia femmina, invece, era completamente trascurata dall'uomo. La madre ha cercato di difendere il maschio dai metodi brutali del padre tiranno, ma in tutta risposta l'egiziano ha minacciato la donna che non glie l'avrebbe fatto più vedere e lo avrebbe rapito e portato in Egitto per assimilare definitivamente i precetti dell'Islam.

L'uomo non tollerava che la madre "interferisse" in questa vicenda dato che, evidentemente, il figlio è considerato un oggetto di sua proprietà. Così, il folle ha pensato bene di insultare e picchiare la moglie davanti alla prole, pronunciando orribili frasi come ad esempio "Vostra madre è una mignotta". 

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato l'ultimo pestaggio, avvenuto nello scorso mese di settembre, quando il despota ha giurato che Allah avrebbe fatto giustizia di tutte le infedeltà della consorte. La donna si è dovuta recare in ospedale per farsi medicare traumi ed ecchimosi varie al collo e alla braccia, che gli sono costati una prognosi di trenta giorni. Questo episodio ha definitivamente convinto la vittima a denunciare il marito ai Carabinieri e a chiedere il divorzio.


ARTICOLI CORRELATI
L'ascensore stava scendendo dal quarto piano per bloccarsi al secondo e precipitare
Una 66enne era stata investita l'altro ieri. E' stata operata Latina e se la caverà con 30 giorni di prognosi
La donna ha subito per tre anni angherie e maltrattamenti fino a quando è stata ricoverata per una polmonite
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
“Miss Mamma Italiana” è il primo concorso nazionale di bellezza e simpatia
2
Un'intensa perturbazione sull'Italia causerà forti piogge e un brusco calo delle temperature
3
Impatto tra un'Audi A3 e una Fiat Panda. Uno dei feriti è in terapia intensiva al San Camillo di Roma
4
Il 23enne, già sottoposto agli arresti domiciliari per le continue aggressioni alla donna, deve rispondere delle accuse detenzione illegale di armi, atti persecutori e trattamento illecito di dati personali
5
Su una nota piattaforma di messaggistica la scoperta di una chat di gruppo dove i 3 avevano messo appunto le fasi del colpo
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]