Lunedì 22 Luglio 2019 ore 18:07
CRONACA
Rai, canone 2015 obbligatorio anche per chi non ha la TV
Si chiamerà "contributo", sarà più basso, ma dovuto da tutte le famiglie

L'odioso "canone RAI", finora legato al possesso di un televisore, diventa una vera imposta e sarà dovuto anche da chi usa solo carta, penna e telefono. 

Il nuovo sistema di finanziamento del servizio pubblico è stato messo a punto dal ministero dello Sviluppo economico (Mise), nella persona del sottosegretario Giacomelli. Si attende solo il via libera del premier Renzi  e la decisione se farlo passare come decreto legge e, quindi,  di vararlo entro dicembre, prima che partano i bollettini del «vecchio» canone 2015.

Il nuovo canone si chiamerà  «contributo al servizio pubblico radio-tv» ed il suo importo dovrebbe essere più basso dell'attuale costo del canone RAI.  Dovrebbe essere compreso in una  forbice tra i 35 e gli 80 euro, a seconda delle capacità di spesa dei nuclei familiari (calcolata sul reddito, ma anche sui consumi e altre variabili). Nessuna famiglia, dunque, nemmeno le più ricche, pagherà più di cento euro per finanziare il servizio pubblico radio-tv, e molte pagheranno parecchio di meno, fino ad un terzo rispetto agli attuali 113,50 euro del canone Rai. E' allo studio la possibilità di  esenzione per le famiglie con soglie di reddito minime). 

Non sarà più possibile la disdetta del canone RAI e cadranno nel vuoto le disdette già formulate da chi  non possiede televisori, né apparecchi «atti alla ricezione del servizio radio televisivo» .

Col nuovo sistema, che potrebbe entrare in vigore già dal 2015, tutti dovranno pagare il contributo alla Rai, pensato come contributo generico al servizio pubblico. 

Scompaiono i bollettini di pagamento della Rai e l'importo dovuto verrà pagato insieme alle tasse, forse con un F24. Le previsioni del Ministero parlano di un gettito di 1,8 miliardi di euro con eliminazione dell'evasione del tributo, attualmente quantificata nel 27%.

A Viale Mazzini però non si percepisce una  grande euforia da parte dei vertici Rai per la nuova imposta. Il dg Gubitosi e la presidente Tarantola, in ogni occasione, ribadiscono che il canone Rai è un'eccezione in Europa perché è il più basso di tutti.

I giornalisti, dal canto loro, sono preoccupati per il taglio dei fondi per il servizio pubblico e sono sul piede di guerra contro il Governo Renzi  che ha gia chiesto alla RAI 150 milioni di euro.  

Si prevedono giornate molto calde e parecchi contrasti sia da parte di chi lavora in RAI sia da chi voleva l'eliminazione del canone.


ARTICOLI CORRELATI
Il ministro Matteo Salvini in un comizio a Foligno si sofferma sui bonus o premi dati dal datore di lavoro ai dipendenti dell' invisa Agenzia
I proprietari possono ora richiedere le differenze di canone non percepite dal 2011 ad oggi
Il 28 febbraio è l'ultimo giorno per pagare l'abbonamento. Finalmente potremo guardare anche i programmi
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Nonostante i divieti e i servizi offerti dagli stabilimenti balneari, resiste il pranzo al sacco in spiaggia...
2
Quattro sono risultate rubate negli ultimi mesi a Roma e una a San Felice Circeo, mentre le altre 8 sono risultate coinvolte in falsi sinistri stradali
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]