Venerdì 23 Agosto 2019 ore 08:29
Disastro ferroviario di Roccasecca
Doppio ricorso in Appello per il disastro alla stazione di Roccasecca

Doppio ricorso in appello per la sentenza di primo grado a tre anni e sei mesi di reclusione per i macchinisti dell'interregionale Roma - Campobasso. Il primo ricorso è stato presentato dalla Procura della Repubblica di Cassino.

I magistrati inquirenti, guidati dal dottor Mario Mercone, hanno ritenuto mite la sentenza di primo grado, per cui hanno inoltrato richiesta d'inasprimento, anche perché nella requisitoria il pubblico ministero, Barbara Affinita, aveva chiesto sei anni di reclusione. Ma, come accennato, c'è anche la richiesta d'appello della difesa dei macchinisti, Mario Mangano Gabriele Venditti.

Gli avvocati, Calogero Nobile e Fabio Tanzilli, hanno chiesto ai magistrati della Corte d'Appello di Roma l'assoluzione piena per i loro assistiti, condannati in primo grado, dal collegio penale di Cassino, per omicidio colposo plurimo e disastro ferroviario colposo.

La tragedia ferroviaria in cui persero la vita Francesco Martino, studente 25enne di Isernia, e Antonio Vallillo, 49enne di Ferrazzano (Campobasso), e rimasero feriti settanta passeggeri, ci fu il 20 dicembre 2005, quando il treno interregionale Roma - Campobasso, tamponò un convoglio fermo sui binari e pronto alla ripartenza. Ci furono lunghe indagini, con perizie e controperizie, sino al processo andato avanti per tre anni.

Un dibattimento dove sin dalle prime battute si è assistito a due versione, quella del pubblico ministero e quella della difesa, completamente opposte. La prima ha fondato la tesi dell'errore umano e sul perfetto funzionamento del quadro dei comandi nella stazione ferroviaria, la seconda sui lavori nei pressi della sala relè e sulla testimonianza dei due imputati:

"Il semaforo era verde", hanno sempre sostenuto Mangano e Venditti. Sino alla sentenza di condanna, pronunciata nel settembre 2012, a tre anni e sei mesi, nella quale, per effetto dell'indulto del 2006, sono stati condonati tre anni. Adesso parola ai magistrati della Corte d'Appello di Roma.


ARTICOLI CORRELATI
"Bisogna capire che la prevenzione è l'unico mezzo che funziona davvero e che sul nucleare ci vuole tolleranza zero"
Nel pomeriggio di giovedì per cause ancora da chiarire un 40enne cade sui binari e finisce sotto il treno
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Ora si attende l'arrivo dei GOS, Gruppi Operativi Speciali
Data di pubblicazione: 2019-08-19 12:09:09
2
Dopo una rissa ruba un'auto e in velocità attraversa l'isola pedonale sfiorando i clienti dei bar, ruba un coltello e ferisce 4 vigili
Data di pubblicazione: 2019-08-18 03:24:59
3
Attenzione al meteo che cambia e porta un po' di tregua nella calura estiva
Data di pubblicazione: 2019-08-22 11:48:00
4
Sono stati 16 lunghi giorni di ricerche per localizzare il corpo della vittima, grazie a un particolare sonar con verricello in dotazione ai Vigili del fuoco
Data di pubblicazione: 2019-08-21 20:56:38
5
"L'unica strada per consentire una boccata di ossigeno rispetto ai troppi vincoli che stanno attanagliando i Comuni"
Data di pubblicazione: 2019-08-20 17:34:57
1
Nelle prime ore del mattino tragico incidente in via Giulianello
Data di pubblicazione: 2019-08-11 11:55:27
2
Dal 2009 ad oggi il Dottor Garrotto ha eseguito circa 3.000 interventi di chirurgia metabolica
Data di pubblicazione: 2019-08-07 17:09:29
3
"L'incidente, considerato l'elevato numero di frammenti precipitati al suolo, avrebbe potuto avere conseguenze gravissime per gli abitanti"
Data di pubblicazione: 2019-08-11 21:35:23
4
Le attività di controllo per tutelare i consumatori si sono svolte in tre supermercati della zona
Data di pubblicazione: 2019-08-05 11:15:54
5
La polemica è di Massimo Fini, noto per il suo atteggiamento anarchico e le critiche feroci all'Occidente
Data di pubblicazione: 2019-08-02 17:32:36
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]