Domenica 16 Giugno 2019 ore 19:45
CRONACA COLLEPARDO
Vincenzo Nibali in Ciociaria per salvare la Certosa di Trisulti
Grazie al compagno Valerio Agnoli nella giornata di ieri ha partecipato a una raccolta fondi a favore del monastero

Il vincitore del Tour de France in Ciociaria per contribuire al recupero della Certosa di Trisulti. E' accaduto nella giornata di ieri, nonostante le condizioni meteo fossero a dir poco proibitive, visto che l'inverno ha fatto repentinamente la sua comparsa con il calo delle temperature ma soprattutto la neve. Ma il maltempo non ha scoraggiato Vincenzo Nibali, anche perché pur essendo un siciliano trapiantato in Toscana il suo legame con la Ciociaria è per forza di cose stretto. La moglie Rachele, infatti, è nativa di Acuto ma soprattutto c'è il suo gregario e compagno di tante battaglie, Valerio Agnoli di Alatri che è stato il grande artefice dell'evento di ieri, organizzato dalla "Granfondo Valerio Agnoli".

Originariamente era prevista una pedalata di beneficienza di circa 20 km sul tracciato Trisulti-Collepardo-Trisulti alla quale avevano aderito circa 150 persone. Ma la neve ha scombussolato i piani e così Agnoli ha varato "un piano B. Abbiamo fatto - ha spiegato il ciclista di Alatri - una visita guidata della Certosa. È stata un'esperienza molto particolare. Non più di tre settimane fa ho visto un servizio in televisione. Mi sono subito informato. Poi mi sembrava giusto coinvolgere Vincenzo perché è parte del territorio per via della moglie Rachele".

Perciò missione compiuta: i fondi sono stati raccolti e anche chi non ha presenziato ha fatto giungere i 5 euro della quota di partecipazione, che saranno devoluti per mantenere una bellezza del territorio ciociaro quale è la Certosa di Trisulti. Ma le iniziative non finiscono qui: Agnoli ha deciso che durante la Granfondo che porta il suo nome ("Granfondo Valerio Agnoli), la quale si svolgerà il prossimo 3 maggio si svolgeranno iniziative a supporto della Certosa. Si tratta di un capolavoro che non può essere abbandonato a se stesso. Basti pensare che è stata costruita nel 1202 per volere di Papa Innocenzo III. Attualmente è di proprietà dello Stato ma è tenuta aperta dalla Chiesa, grazie agli ultimi quattro monaci cistercensi che la abitano. Senza i finanziamenti  e i necessari lavori di restauro, la Certosa rischia di cadere nel dimenticatoio e nel degrado, dal momento che si profilerebbe la chiusura al pubblico. Un'ipotesi che solo pensarla mette tanta tristezza.


ARTICOLI CORRELATI
Meglio ricordare le emozioni che ha regalato Nibali, detto lo Squalo, che le polemiche al Senato sul "canguro"
E' accaduto in un incontro di seconda categoria a Guarcino: un giocatore del Collepardo ha preso a schiaffi l'arbitro, ora rischia il Daspo
A far scattare l'allarme, un giovane che si aggirava mezzo nudo e che ha attirato l'attenzione dei residenti
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Gli investigatori hanno passato al setaccio alcune telecamere che potrebbero avere inquadrato gli autori della rapina
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]