Giovedì 19 Settembre 2019 ore 04:06
Un successo la presentazione del libro di Francesca Vecchioni
L’autrice devolverà i proventi ricavati dalla vendita di questo libro all’associazione Diversity di cui è presidente.
Francesca Vecchioni T'Innamorerai

“Ho sempre voluto essere madre, ho sempre immaginato di avere una famiglia numerosa come quella in cui sono cresciuta tante chiacchiere, tanti interessi, tanti entusiasmi da condividere. Se devo essere davvero sincera non ho mai, per un solo momento della mia vita, creduto di dover rinunciare alla gioia di crescere un figlio. Di poter insegnare a lui per imparare io stessa, con amore, senza davvero aspettarmi niente di più stupefacente che guardarlo crescere. E però per me era diverso”.

“T’innamorerai senza pensare”, il nuovo libro di Francesca Vecchioni edito da Mondadori, è stato presentato ieri pomeriggio a Roma al Teatro Centrale di via Celsa, davanti ad un attento pubblico di oltre trecento ospiti chiamati a raccolta dalla psicoterapeuta Irene Bozzi, mamma dell'autrice, e dall'amico Emilio Sturla Furnò. "T’innamorerai senza pensare..." è una frase della canzone Figlia che Roberto Vecchioni  ha dedicato a Francesca quando è nata.

L'incontro moderato dal simpaticissimo Pino Insegno, ha visto il susseguirsi di letture di alcuni passi del libro della figlia del maestro Roberto Vecchioni, da parte di Valeria Fabrizi, Simona Borioni, Maurizio Micheli, Pino Quartullo e Fabio Morici. Tra gli ospiti in platea si potevano riconoscere Erminia Manfredi, Pino Ammendola,  Marina Pennafina,  Leopoldo Mastelloni, Daniela Terreri, Maria Grazia Nazzari, Saverio Vallone, Miriam Fecchi, Maria Monsè, Barbara e Marco Cariniti Bollea, Fabrizio Apolloni, Maurizio Angeloni, Cinzia Monreale, Tiziana Luxardo, Bianca Maria Caringi Lucibelli, Elena Aceto di Capriglia, Sandra Cioffi Fedi, Daniela Pacelli, Guglielmo Giovanelli Marconi, Gabriella Chiarappa.

“Scegliere di vivere ciò che si è”, ha affermato Francesca Vecchioni, “può sembrare semplice ma è una delle decisioni più complicate della vita di ognuno. Eppure questa è la scelta che tutti siamo, prima o poi, chiamati ad affrontare se vogliamo arrivare più vicino alla felicità. Questo libro è la storia di una ricerca, il viaggio verso sé e gli altri di chi, costretto ad affermare se stesso ogni giorno, decide di trasformare ciò che poteva sembrare un problema, in un vantaggio. Crescere in una famiglia speciale, scoprire la propria sessualità, innamorarsi, perdersi per poi ritrovarsi, diventare adulti e infine genitori; le tappe più importanti della vita affrontate dal punto di vista di una donna che ama le donne, e che sulla naturalezza delle proprie emozioni, sulla consapevolezza di sé, e la convinzione che l’omosessualità non debba essere considerato un problema, ha costruito tutta la sua battaglia di civiltà". 

L’autrice devolverà i proventi ricavati dalla vendita di questo libro all’associazione Diversity di cui è presidente. Francesca Vecchioni, infatti, nata a Firenzenel 1975, cresciuta a Roma ma vive a Milano, si è laureata in Scienze politiche ed è madre di 2 bambine, esperta in comunicazione, giornalista e attivista per i diritti civili. Crede che la diversità sia una ricchezza e per questo ha fondato l’Associazione Diversity (diversitylab.it). 

La presentazione che ha divertito e commosso il pubblico si è conclusa con un raffinato e varigato cocktail dai sapori mediterranei e dolci alla frutta dello Chef Massimo Biale nella hall del teatro, dove l'autrice ha firmato le copie del libro. 


ARTICOLI CORRELATI
Il libro sarà presentato a Roma al Teatro Centrale. Il titolo da una canzone del padre, Roberto Vecchioni
Incontro al Gay Village con Francesca Vecchioni, che ha presentato il suo libro "T'innamorerai senza pensare"
La finale si è disputata il 27 aprile a Palazzo Vecchio a Firenze
I PIU' LETTI IN CULTURA
GIORNO SETTIMANA MESE
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]