Lunedì 20 Maggio 2019 ore 19:06
CRONACA ROMA
Salario accessorio, dalla CISL una diffida a Roma Capitale
Cosentino (CISL): "Pronti a demolire atto unilaterale costruire contratto condiviso ed equo"
Campidoglio

Dopo la riapertura del tavolo di trattativa con Roma Capitale riguardo il contratto decentrato dei dipendenti capitolini – riapertura del tavolo che si è resa necessaria dopo l’esito della consultazione referendaria tra gli stessi lavoratori, nella quale ha vinto il ‘NO’ che ha bocciato la pre-intesaarriva una diffida da parte della CISL diretta a Roma Capitale.

“Il 27 aprile tantissimi lavoratori perderanno centinaia di euro, il sindacato ha l’onere di ristabilire la dignità di ciascuno ed il salario di tutti”, spiega Giancarlo Cosentino della CISL Fp in riferimento al salario accessorio, ora legato a criteri di ‘produttività’ e non più erogato ‘a pioggia’, come in passato – ciò era stato contestato dal MEF al quale si era rivolto il sindaco Ignazio Marino – modalità di erogazione che si verificava a fronte di un mancato aggiornamento del contratto da oltre 5 anni.

“Se ci sono proposte contrattuali articolate, sensate, non demagogiche, escano fuori, siamo pronti a condividerle, migliorarle, sostenerle – continua Cosentino – Intanto diamoci una mossa”. La situazione rischia di naufragare: “Abbiamo chiesto che venga ripristinata la legalità nel settore educativo-scolastico, ormai una nave senza timone in preda alla furia delle onde della deliberazione 236 del 1 agosto 2014. Le 30 ore chieste alle insegnanti della scuola dell’infanzia sono un’assurdità in contrasto con le vigenti disposizioni di legge e contratti, negli asili nido la mancata sostituzione della prima educatrice assente grida vendetta”. Gli stessi genitori dei bambini, d’altra parte, hanno provveduto a presentare un ricorso contro la riforma del settore nidi al TAR.

“Demoliti questi baluardi dell’ingiustizia – continua Cosentino – Siamo pronti a smantellare e ricostruire l’impianto organizzativo e salariale dell’atto unilaterale, costruendo un contratto decentrato condiviso equo, giusto, rispettoso delle norme. L’atto unilaterale va combattuto con la forza delle argomentazioni”.

“Per questo – incalza – abbiamo dato seguito a quanto annunciato in trattativa, inviando una diffida all'Amministrazione di Roma Capitale colpevole, a nostro avviso, di non seguire il piano della legalità nella erogazione della produttività trimestrale, necessaria per la corresponsione del salario accessorio”.

Non solo. Secondo la CISL, Roma Capitale è anche colpevole di aver “dimenticato” alcuni capisaldi del diritto di ciascuno ad essere informato preventivamente su aspetti retributivi che lo andranno a riguardare. “Ha espresso valutazioni sulle attività e sul rendimento dei propri dipendenti dimenticandosi, ad oggi, di notificare agli interessati le stesse valutazioni e al contempo impedendo loro, nei fatti, di proporre istanze di riesame delle valutazioni espresse – ha concluso Cosentino – Peraltro la stessa Roma Capitale, ci è dato sapere, applica criteri tecnici di valutazione non edotti ai lavoratori, dimentica di comunicare ai funzionari amministrativi in quale fascia di complessità (elevata o media) il loro incarico sia stato posto”.


ARTICOLI CORRELATI
Lungo tavolo di trattative, alla presenza di Luigi Nieri. L'amministrazione salvaguarda gli stipendi
A Roma la manifestazione della Cgil, Cisl e Uil. In testa lo striscione "Lavoro è democrazia"
700 famiglie a rischio, ovvero “un’ipotesi da macelleria sociale” secondo i sindacati Cgil Cisl Uil
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
I dissidi tra padre e figlia erano frequenti. E' da capire se la giovane donna abbia agito per difendersi da un'aggressione del padre
2
Da segnalare che all'interno della stazione ferroviaria di Frosinone manca un sistema di videosorveglianza
3
E così, da cinquant'anni pare non si possa essere di "sinistra", senza essere antifascisti...
4
Sequestrati beni per circa 2,5 milioni di euro
5
La donna è stata operata ed è ricoverata in prognosi riservata
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]