Martedì 10 Dicembre 2019 ore 16:44
CRONACA ROMA
AS Roma e Stadio Flaminio: quello che il M5S non ha capito
Lo stadio Flaminio è un bene di interesse artistico e storico sotto tutela, non può diventare lo stadio della Roma

Con una lettera al presidente giallorosso, il M5S chiede di ristrutturare il Flaminio che versa da anni in condizioni di abbandono, per farne stadio della Roma. Fa davvero specie la lettera dei consiglieri capitolini del M5S indirizzata al presidente della As Roma James Pallotta, nella quale gli suggeriscono di fare del Flaminio, il delizioso e piccolo stadio storico che versa da anni in condizioni di abbandono, lo stadio della Roma.

Progettato dall'architetto Antonio Nervi, lo stesso di tante splendide opere del dopoguerra a Roma, come l'adiacente Palazzetto dello Sport, la Stazione Termini, il Palazzo dello Sport (ideato da Marcello Piacentini ed edificato dal figlio di Antonio, Pier Luigi) e molte altre, fu realizzato tra il 1957 e il 1958 e inaugurato poi nel 1959. Costruito sull'area dello Stadio Nazionale dedicato al Grande Torino, venne deciso, in corso d'opera e non senza molte polemiche, di chiamarlo non più Stadio Torino, ma Flaminio, per renderlo identificabile a chi non fosse romano.

Continua a far specie che i consiglieri pentastellati, autori di questa proposta, non sappiano che in base all'articolo 10 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio del 2004, lo stadio Flaminio è un bene di interesse artistico e storico sotto tutela dal 2008, quando compì mezzo secolo.

Per fortuna nostra gli eredi di Pier Luigi Nervi, attraverso la fondazione che porta il suo nome, hanno la proprietà intellettuale e i diritti morali sullo Stadio Flaminio, tanto da aver espresso molti pareri contrari ai piani di ristrutturazione presentati dal Comune di Roma per restituirgli la bellezza di un tempo.

Figuriamoci se la Fondazione Nervi permetterebbe ad uno stadio di interesse culturale, per giunta incapace di supportare un flusso prevedibile di 50, 60 mila tifosi romanisti, di essere stravolto e manipolato per farne lo stadio della Roma, considerando anche la zona di straordinario interesse storico come quella nella quale è situato, che verrebbe irrimediabilmente compromessa da opere di prevedibile adeguamento.

Sono moderatamente favorevole alla costruzione del nuovo stadio della AS Roma, al di là di tutte le polemiche che sta suscitando il progetto che lo vorrebbe a Tor di Valle (cementificazione selvaggia di un'area considerata verde, richiamo al pericolo di cedimenti del terreno sottostante, infrastrutture con forte impatto ambientale, interessi economici trasversali e non chiari). C'è da dire che tutto questo costo, vicino al miliardo di euro, sarebbe sostenuto in toto dalla società di Pallotta e offrirebbe migliaia di posti di lavoro, considerando improbabile che i rischi di un importante progetto come questo non vengano valutati con l'attenzione che meritano.

Ossessionati dal risparmio a tutti i costi, che li spinge ad andare contro tutto e tutti e che rivela un vero disturbo compulsivo, gli amici consiglieri del M5S, prima di fare una così evitabile ed inutile figuraccia con la richiesta a Pallotta, avrebbero dovuto documentarsi meglio, perdendo così una buonissima opportunità per tacere su ciò che non sanno o forse non intendono sapere.


ARTICOLI CORRELATI
L'Aula Giulio Cesare sancisce il pubblico interesse della struttura. Il M5S si oppone e spiega perché
Lettera aperta del consigliere capitolino Magi al sindaco Marino in merito al Piano di Rientro
Con l'accordo dell'AS Roma sarà presto esposto il plastico del progetto
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Operazione d'arresto da parte dei Carabinieri Nas nelle provincie di Roma, Latina e Caserta. L'intervento finalizzato a bloccare la rete di un sistema corruttivo, ha avuto successo
Data di pubblicazione: 2019-12-10 10:35:50
1
Mentre la Capitale annaspa tra i rifiuti e cade nelle buche si celebra in gran fasto l'accensione di "Spelacchio"
Data di pubblicazione: 2019-12-08 09:33:51
2
Faceva credere di versare gli assegni ricevuti a favore della Compagnia Assicuratrice, ma la nota Compagnia assicurativa era all'oscuro delle truffe che si stavano perpetrando
Data di pubblicazione: 2019-12-09 10:22:39
3
Si parte soprattutto dalle regioni del Nord con in testa Lombardia e Veneto, terza la Sicilia
Data di pubblicazione: 2019-12-09 14:06:34
4
Previsti venti in grado di strappare facilmente ramoscelli dagli alberi e rendere difficoltoso camminare controvento
Data di pubblicazione: 2019-12-09 19:47:17
5
"La sicurezza sul lavoro è un tema fondamentale, il Lazio ha un triste primato: il numero di vittime più alto rispetto alla media nazionale"
Data di pubblicazione: 2019-12-09 12:54:50
1
Dopo le piogge violente del mese di novembre, masse di terreno si staccano, danni ingenti
Data di pubblicazione: 2019-12-03 09:41:30
2
I finanzieri coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia stanno eseguendo nelle province di Roma, Latina, Napoli e Bari 16 ordinanze di custodia cautelare
Data di pubblicazione: 2019-12-02 11:41:22
3
Treni vecchi e spesso guasti, ritardi costanti e stazioni fatiscenti; i pendolari dicono basta
Data di pubblicazione: 2019-12-03 10:47:43
4
Il quartiere scende in strada perché non ha bisogno di irruzioni poliziesche, ma di strutture e investimenti
Data di pubblicazione: 2019-12-05 09:05:51
5
La figlia del brigadiere deceduto non crede al suo suicidio e si prepara a lottare anche da sola per la verità
Data di pubblicazione: 2019-12-06 09:05:18
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]