Lunedì 20 Maggio 2019 ore 18:55
CRONACA VALMONTONE
L'addio in silenzio di Mirella, che combatteva e non solo per lei
Da oggi tutte le donne di Valmontone, e non solo, sono un po’ più sole, perché hanno perso un’amica e una guerriera
Mirella Morgia

Da oggi tutte le donne di Valmontone, e non solo, sono un po’ più sole, perché hanno perso un’amica e una guerriera, come soleva definirsi lei stessa quando si parlava di quel male che non conosce età, stato sociale e che non serba pietà. Mirella aveva attraversato il proprio dolore, la propria malattia, durante questi ultimi anni, volgendo lo sguardo oltre sé stessa, e già questo è un fatto eccezionale, poiché chi sta male molto spesso, ed è umanamente comprensibile, vede solo il proprio di dolore.  Ha creato un punto di aggregazione per tante altre donne che come lei soffrivano dello stesso male, ma anche per quelle donne che volevano soltanto informarsi, prevenire,  o per altre che semplicemente desideravano essere meno sole. Ha avuto  l’intuizione e l’amore di far sentire le donne unite creando l’associazione Il Girasole, il nome di un fiore luminoso come i suoi occhi, che seppure denotavano tanta sofferenza, erano anche luminosi e pieni di calore per gli altri.

L’ho vista poco prima del capodanno scorso, parecchi mesi fa ormai, mi ha sorriso entusiasta e mi ha abbracciato, ricordo che le dissi che erano belli i suoi capelli che ricrescevano rigogliosi, mi sono sentita avvolta dalla sua gioia di vivere e dalla sua energia positiva. Credevo che ormai il suo male fosse acqua passata, così non è stato, ne vengo a conoscenza  soltanto oggi e nella maniera più beffarda: i social network. Mi auguro che tutto quello che Mirella ha fatto per le donne e per Valmontone continui nel suo nome, perché era una combattente e una donna altruista, solidale, che amava le donne e che chi ha avuto la fortuna di conoscere non dimenticherà.

Ciao Mirella. 


ARTICOLI CORRELATI
Da domani a domenica 28 ricca serie di eventi, tra i quali spicca il concerto di Alan Sorrenti e di Tributo Negramaro
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
Le Associazioni il Girasole, Genitori Artena e gli Assessori ai Servizi Sociali si sono mobilitate per la campagna di prevenzione
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
I dissidi tra padre e figlia erano frequenti. E' da capire se la giovane donna abbia agito per difendersi da un'aggressione del padre
2
Da segnalare che all'interno della stazione ferroviaria di Frosinone manca un sistema di videosorveglianza
3
E così, da cinquant'anni pare non si possa essere di "sinistra", senza essere antifascisti...
4
Sequestrati beni per circa 2,5 milioni di euro
5
La donna è stata operata ed è ricoverata in prognosi riservata
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]