Mercoledì 12 Dicembre 2018 ore 01:22
SPETTACOLI ROMA
Al Teatro Lo Spazio "Il Calapranzi" di Harold Pinter FOTO
Grandi applausi per la regista Vittoria Citerni di Siena e a tutta la sua compagnia di giovani
Gruppo di lavoro

Grande prima ieri sera con Vip e Nobili al Teatro Lo Spazio di Roma per  “Il Calapranzi” di Harold Pinter, diretto dalla giovane regista Vittoria Citerni di Siena, figlia della Contessa Rita Siciliano di Rende e nipote della Duchessa Monica Sforza Cesarini, ed interpretato dagli attori Giuseppe Pisacane e Alessandro Giova.

L'attrice Fioretta Mari ha assistito allo spettacolo a fianco della regista complimentandosi sia con gli attori che con la regista stessa e alla sua compagnia tutta formata da giovanissimi. Ha spiegato loro quanto sia vicino al mondo dei giovani, soprattutto con chi si cimenta con il teatro.

Molti i personaggi intervenuti, tra gli altri la Contessa Carolina Borromeo, le duchesse Monica e Polissena Sforza Cesarini, la baronessa Tina Cinquemani, Donna Isabella  Viscogliosi, Donna Nunzia Citerni di Siena, i cugini Lupo e Tancredi Gargallo di Castel Lentini, il Conte Roberto Siciliano di Rende e la sua splendida moglie Paola, Emanuela Tittocchia, Amedeo Goria, Gabriele Marconi e Alex Partexano. 

A fine serata tutti gli intervenuti si sono fermati nel cortile del teatro a complimentarsi e commentare lo spettacolo, con la regista, gli attori e tutto il giovanissimo gruppo di lavoro.

La regista Vittoria Citerni di Siena, classe 1992, vanta all’interno del suo curriculum una carriera internazionale, tra Spagna, Inghilterra e Italia. Vittoria incomincia ad avvicinarsi al mondo dello spettacolo durante gli anni del liceo, entrando a far parte della compagnia teatrale Il Quadriportico a Roma  nel ruolo di aiuto regista.  Firma la sua prima regia a diciotto anni, con il cortometraggio "5 Minuti", che verrà in seguito scelto in versione teatrale, all’interno di due concorsi, al Macro Pelanda e  al Teatro Lo Spazio di Roma. 

La Trama: Ben e Gas, interpretati rispettivamente da Giuseppe Pisacane e Alessandro Giova, sono due killer che attendono nel seminterrato di un vecchio e squallido ristorante, una busta contenente il nome della loro prossima vittima. Nel corso dell’attesa, qualcuno invia loro biglietti di carta con indicazioni da ristorante, tramite l’ausilio di un calapranzi. Il misterioso personaggio che si muove dietro le quinte di questa enigmatica vicenda, attraverso una serie apparentemente incomprensibile di messaggi, metterà alla prova la fedeltà dei due killer.

Nel gruppo di lavoro, tutti giovanissimi, sono presenti: Gialuca Lasaracina come aiuto regia, Daniele Giannetti come stage manager, Sara Mignogna come assistente di produzione, Samantha Giova come scenografa, Margherita di Domenica come costumista Marianella Garcia, come grafico Marco Mazzilli, lo studio fotografico Roscetti, il Consulente Legale Giampietro Maria Teodori.

 

 


ARTICOLI CORRELATI
Grande serata agli Studios di Cinecittà con la premiazione del festival "Sorridendo film festival"
Bella presentazione di cento anni di storia da Charlot ai giorni d'oggi FOTO
Una serata spassosa, piena di risate messa su da Tony Fornari e dalla regista Paola Tiziana Cruciani
I PIU' LETTI IN SPETTACOLI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Tanti amici invitati alla Limonaia per i 45 anni di Ilfrida Ismolli
2
Dopo una discussione famigliare Giancarlo Magalli viene portato in ospedale perché ha ricevuto "La botta in testa" FOTO
3
Leggendo della morte di Aldo Reggiani... Quando in tv irruppe "La freccia nera"
4
La star internazionale del cinema per adulti testimonial di “Miss Sana e Bella”
5
Lillo & Greg Best of mette in scena un frizzante “varietà” che ripropone tutti cavalli di battaglia della famosa coppia comica
1
Vita e morte della reginetta delle pin up, Bettie Page
2
La lista dei film che vi faranno vivere la più calda atmosfera natalizia di sempre
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency