Giovedì 17 Gennaio 2019 ore 09:37
CRONACA TERRACINA
Botte e violenze verbali ai bambini: nei guai due maestre d'asilo
Operazione "Iuppiter" compiuta dalla Polizia: una 75enne e una 57enne maltrattavano bambini tra i 3 e i 6 anni

Nella trascorsa serata gli Agenti del Commissariato di Terracina hanno dato esecuzione a 2 ordinanze di misure interdittive ad esercitare la professione di maestra d’asilo emesse dal Gip del Tribunale di Latina su richiesta della Procura della Repubblica di Latina, a carico di altrettante cittadine italiane che esercitavano la professione in una nota Scuola d’infanzia di Terracina. L’operazione di polizia denominata “Iuppiter”, intitolata al Giove fanciullo, ha consentito agli Agenti di Polizia di rendere inoffensive le destinatarie delle Misure cautelari, R.M.L. 75 anni e R.C. 57 anni, entrambe dovranno rispondere dei reati di maltrattamenti verso minori a loro affidati per motivi di custodia ed istruzione.

La complessa attività investigativa aveva impulso su segnalazione di una cittadina che riferiva di avere assistito, seppur limitatamente ed estemporaneamente, ad atti di violenza sui piccoli frequentatori della Scuola, consistenti in punizioni corporali e violenze verbali. La Squadra Anticrimine del Commissariato, in collaborazione con la Polizia scientifica, nonostante le iniziali difficoltà tecniche, approntava dei servizi a distanza tesi a verificare l’attendibilità della segnalazione. Una volta raccolti sufficienti indizi per ritenere fondata la notizia di reato, si otteneva autorizzazione del GIP all’installazione di microspie e telecamere per intercettazioni audio-video ambientali all’interno degli ambienti dell’Istituto scolastico, dalle quali emergevano chiaramente le responsabilità delle indagate.

All’interno della scuola infatti è stato possibile filmare le percosse, le minacce e gli insulti, gli spintoni e gli strattonamenti che le due indagate effettuavano sui piccoli di età compresa tra i 3 e i 6 anni. Durante la complessa attività d’indagine si è reso opportuno effettuare una controllo di Polizia Amministrativa presso l’asilo, al fine di acquisire importanti riscontri investigativi, preservando peraltro l’attività d’indagine. Si rilevavano nella circostanza anche gravi anomalie di carattere strutturale, nonché  carenze numeriche delle insegnanti in rapporto all’elevato numero degli iscritti, circa 60.

Si è pertanto provveduto ad interessare altresì  il Comando Provinciale dei VV.FF. di Latina che ha imposto alla struttura immediati adeguamenti. All’interno dell’istituto si constatava anche che una delle tre aule adibite alla frequenza dei bambini della scuola dell’infanzia, e precisamente la c.d. “sezione primavera”, relativa ai bambini sotto i 3 anni, si presentava carente delle autorizzazioni previste dalla legge. In relazione ai fatti penalmente rilevanti accertati ed alla gravità degli stessi in relazione all’età delle piccole vittime, si decideva di procedere ad avanzare richieste di idonee misure cautelari tese ad interrompere l’attività criminosa.

Nonostante l’applicazione delle misure cautelari notificate alle indagate, uniche responsabili dei maltrattamenti, l’asilo potrà continuare ad accogliere i numerosi bambini di cui si potranno prendere cura le altre insegnanti in relazione alle quali non sono emersi elementi di responsabilità.

 


ARTICOLI CORRELATI
A Roma nella scuola materna "San Romano" a Portonaccio
Presso l' asilo Papero Giallo indagate 5 maestre per maltrattamenti
Maltrattamenti fisici e verbali, con episodi ripetuti e documentati da intercettazioni e riprese video
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Essere donna ed essere madre mi ha dato la forza di reagire, mio figlio doveva vivere, e io dovevo assicurargli il domani
2
Reclutava persone per poi sfruttarle nei campi dediti alla coltivazione di prodotti agricoli
3
Le previsioni meteo per il territorio della regione Lazio e per le città di Rieti, Roma e Viterbo
4
A perdere la vita un 48enne, precipitato forse a causa della rottura di una scala

5
Le previsioni meteo per il territorio della regione Lazio e per le città di Rieti, Roma e Viterbo
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency