Sabato 20 Aprile 2019 ore 00:24
DIVINA COSTIERA
Amalfi, Marina Grande interprete divino dello spirito della costa
Se c’è un luogo in cui si può immaginare che i sogni diventino realtà, quello è senz’altro la costiera amalfitana
Gianpaolo e Enzo Esposito, soci proprietari di Marina Grande

Così Italo Calvino descriveva  il lembo di terra chiamata ‘costiera amalfitana’: “Quella strada sospesa sul magico golfo delle Sirene solcato ancora oggi dalla memoria e dal mito”. Se c’è un luogo in cui si può immaginare che i sogni diventino realtà, quello è senz’altro la costiera amalfitana che si perde tra luoghi incantevoli, sole, mare, promontori rocciosi, prodotti culinari prelibati e visite leggendarie che vanno da André Gide a Richard Wagner a Henrick Ibsen passando per Goethe sino al  Circolo letterario di Bloomsbury.

Regina tra i re, spicca la meravigliosa Amalfi, la più antica delle repubbliche marinare,  incastonata in un paesaggio emozionante e meta di turisti provenienti da tutto il mondo. A due passi dalla piazza del Duomo di Sant’Andrea e dalla sua maestosa scalinata, in pieno centro storico, c’è un luogo che nutre il corpo e l’anima in un ambiente raffinato e accogliente: stiamo parlando del Ristorante Marina Grande che nasce da Arturo Esposito e sua moglie Melina ed è oggi gestito dai fratelli Gianpaolo ed Enzo, maestri dell’ospitalità e del buon cibo.  Gianpaolo ed Enzo riescono a mettere  insieme gusto, ricercatezza, tradizione e simpatia.

Direttamente sul mare con vista mozzafiato, Marina Grande offre ai suoi convitati atmosfera, calore , piatti deliziosi e vini eccellenti, prodotti di alta qualità scelti accuratamente e cucinati con maestria per i palati più esigenti.  

Nulla è lasciato al caso, a cominciare dal sacchettino di lino contenente vari tipi di pane caldo, all’entrèè  sino agli antipasti che vanno dal baccalà fritto al polpo grigliato al tonno marinato per passare poi ai primi: dagli intramontabili scialatielli ai frutti di mare ai paccheri con rana pescatrice, solo per citarne due della bella scelta nel menu; per poi approdare ai secondi: spigola, cernia freschissime cucinate con dovizia e mestiere, ma si può scegliere un secondo piatto che cambia continuamente, sempre con delle sorprese;  per concludere con la carta dei dolci di cui sottolineiamo, nella ricca scelta,  la cheesecake con ricotta di bufala  e sorbetto al lampone. Una ricca carta dei vini offre al convitato la possibilità di una scelta ampia e corrobora la scelta gastronomica.  Infine, il servizio è  impeccabile con un personale sempre attento a ogni  richiesta del cliente.

Di giorno, poi, per chi ha voglia di un tuffo al mare, Marina Grande  si trasforma nello stabilimento balneare più bello e curato di Amalfi e già da mezzogiorno ci si può concedere un bel pranzo guardando il mare e gustando un bel bicchiere di vino bianco freddo. Il ristorante Marina Grande è una storia di famiglia che diventa la storia di un territorio e delle sue tradizioni ed è una storia che vale la pena raccontare, ma soprattutto vivere in prima persona e il cui sottofondo musicale (a noi  è capitato, nda) può essere ‘Moon River’ di Henry Mancini, mangiando, sorseggiando e guardando la luna di Amalfi che si specchia nel mare.

* Note di merito allo staff: In cucina lo chef Francesco Sardegna e con lui Valentina Amatruda che si occupa dei primi e Ivan Acampora , Alessandro Fattoruso, Sabrina Savo. In sala Guido Cavaliere, Sergio Pshemecky, Carlo Gorga e Arturo Esposito, figlio di Enzo e nipote di Gianpaolo, che ha preso il nome del nonno Arturo, capostipite della famiglia.


ARTICOLI CORRELATI
Un'esperienza indimenticabile in uno dei luoghi più amati al mondo, con vista mozzafiato sulla costiera amalfitana
A 4 chilometri da Amalfi, nel comune di Conca dei Marini, a picco sul mare tra Amalfi e Positano
"Eternamente tuo, eternamente mia. Eternamente nostri", le romantiche promesse nel film Sex and the city
I PIU' LETTI IN CUCINA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La locandina di Apicio è la rubrica di food economia di Domenico di Catania, consulente economista e chef
2
In Italia c’è ovunque un fritto di tutto rispetto: vi parleremo del fritto piemontese, bolognese, romano e napoletano
3
Un locale nel centro di Roma tra Martini, cocktail sartoriali, una cucina di grandi materie prime e una carta vini importante e divertente
4
La richiesta di prodotti italiani all’estero è alta, il successo di Eataly a New York lo dimostra
5
Da venerdì 20 giugno, tre giorni di "Dolce vita" per il Festival Vacanze Romane, per festeggiare i due anni di Eataly
1
La locandina di Apicio è la rubrica di gastronomia di Domenico di Catania, consulente economista e chef
2
Ecco cosa serve per preparare uno dei piatti più gustosi della tradizione a Napoli, Bologna e Palermo
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]