Domenica 21 Aprile 2019 ore 02:57
USCITA VIETATA
Cinema, "Much Loved", il nuovo film provocatorio di Nabil Ayouch
Nel film si parla di prostituzione, di omosessualità, della miseria in cui vivono i marocchini, cioè la maggior parte della popolazione

L'8 ottobre esce al cinema "Much Loved", il nuovo film del regista franco-marocchino Nabil Ayouch. Questo film è stato girato in Marocco ma lì non potrà essere visto. I censori ne hanno vietato l'uscita. Perché? Perché "Much Loved" mette a nudo molte verità scomode. Nel film si parla liberamente di prostituzione, di omosessualità, della miseria in cui vivono i veri marocchini, cioè la maggior parte della popolazione. Soprattutto si vede come le riforme introdotte più di quindici anni fa dalla monarchia hanno dato vita a una modernizzazione "di facciata", non di sostanza. "Una modernizzazione valida solo tra le élite delle grandi città", precisa il regista, che e' nato in Francia da padre marocchino e madre ebrea francese e che a vent'anni si è trasferito in Marocco alla scoperta delle sue origini, "Fuori dalle élite cittadine, il Marocco resta un paese profondamente tradizionale, dove la povertà e l'ignoranza impediscono ogni cambiamento di mentalità". Il film è stato girato a Marrakech che, con Casablanca, e' una delle capitali della prostituzione marocchina. "Il sesso in Marocco e' un tabù, e' ancora impossibile manifestare liberamente i propri sentimenti, sia in pubblico che in privato" dice Ayouch "per Much Loved ho intervistato quasi duecento prostitute che, per la società marocchina, ufficialmente non esistono. Invece in loro ho scoperto un animo combattivo e indipendente". Ed e' proprio questo l'argomento del film che dà più fastidio. Le protagoniste sono quattro ragazze che fanno le prostitute per scelta. Per soldi. Per emanciparsi. Per essere libere. Provengono tutte dalla provincia, sono cresciute in famiglie povere. A vent'anni si ritrovano a mantenere genitori apatici e rassegnati, fidanzati disoccupati e drogati, figli a cui devono badare da sole. Le famiglie le hanno cresciute con la consapevolezza di valere poco, sicuramente meno degli uomini. E loro, contando solamente sulla loro giovinezza e sulla loro testardaggine, trovano nella prostituzione la loro libertà ed emancipazione. Diventano donne forti, lontane anni luce dalla durezza dei loro padri e dalla tristezza delle loro madri. Nabil Ayouch ha utilizzato attori non professionisti. Appena terminate le riprese, ha postato alcune scene su YouTube. Sono state viste in pochissimo tempo da sette milioni di persone. "Much Loved" non è il primo film a creargli problemi. Il regista vive sotto scorta dal 2012, da quando girò "Cavalli di Dio", film dove mostrava il contesto sociale in cui sono cresciuti i giovani kamikaze che si fecero esplodere, il 16 maggio 2003, in varie zone di Casablanca, causando 41 morti e centinaia di feriti. Sia Ayouch sia gli attori, per "Much Loved", hanno ricevuto minacce di morte.


ARTICOLI CORRELATI
L'annuncio è arrivato oggi 3 settembre dalla compagnia di bandiera, Roma sarà collegata con la grande città marocchina.
Quando i comunisti attaccarono “Ultimo tango a Parigi” e un avvocato fascista lo riportò nelle sale
Le polemiche sull'esibizione del rapper al Concertone del Primo Maggio
I PIU' LETTI IN APPUNTAMENTI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
E' stato inaugurato il primo e unico "Villaggio di Babbo Natale " a Roma, realizzato dal Gruppo Storico Romano
2
28 GIUGNO - SELEZIONE DI MUSICA RAP/HIP-HOP Roma, Gay Village arriva il rapper "Frankie Hi-nrg mc"
Ad annunciare l'Alto Parlante Gira Dischi sono Annachiara Marignoli e Paola Dee, responsabili della direzione artistica delle notti rainbow
3
31 MAGGIO - UNA SERIE DI SITUAZIONI TRAGI-COMICHE Roma, Teatro Petrolini va in scena "Casalinghi disperati"
Tre uomini separati vivono in un appartamento messo a disposizione dal Comune
4
Là dove il rosmarino fiorisce e dove l'acqua ancora scorre dalle sorgenti, frutti d'ombra cadono dai muri
5
Lillo & Greg Best of mette in scena un frizzante “varietà” che ripropone tutti cavalli di battaglia della famosa coppia comica
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]