Domenica 25 Agosto 2019 ore 14:25
Cinema, "Much Loved", il nuovo film provocatorio di Nabil Ayouch
Nel film si parla di prostituzione, di omosessualità, della miseria in cui vivono i marocchini, cioè la maggior parte della popolazione

L'8 ottobre esce al cinema "Much Loved", il nuovo film del regista franco-marocchino Nabil Ayouch. Questo film è stato girato in Marocco ma lì non potrà essere visto. I censori ne hanno vietato l'uscita. Perché? Perché "Much Loved" mette a nudo molte verità scomode. Nel film si parla liberamente di prostituzione, di omosessualità, della miseria in cui vivono i veri marocchini, cioè la maggior parte della popolazione. Soprattutto si vede come le riforme introdotte più di quindici anni fa dalla monarchia hanno dato vita a una modernizzazione "di facciata", non di sostanza. "Una modernizzazione valida solo tra le élite delle grandi città", precisa il regista, che e' nato in Francia da padre marocchino e madre ebrea francese e che a vent'anni si è trasferito in Marocco alla scoperta delle sue origini, "Fuori dalle élite cittadine, il Marocco resta un paese profondamente tradizionale, dove la povertà e l'ignoranza impediscono ogni cambiamento di mentalità". Il film è stato girato a Marrakech che, con Casablanca, e' una delle capitali della prostituzione marocchina. "Il sesso in Marocco e' un tabù, e' ancora impossibile manifestare liberamente i propri sentimenti, sia in pubblico che in privato" dice Ayouch "per Much Loved ho intervistato quasi duecento prostitute che, per la società marocchina, ufficialmente non esistono. Invece in loro ho scoperto un animo combattivo e indipendente". Ed e' proprio questo l'argomento del film che dà più fastidio. Le protagoniste sono quattro ragazze che fanno le prostitute per scelta. Per soldi. Per emanciparsi. Per essere libere. Provengono tutte dalla provincia, sono cresciute in famiglie povere. A vent'anni si ritrovano a mantenere genitori apatici e rassegnati, fidanzati disoccupati e drogati, figli a cui devono badare da sole. Le famiglie le hanno cresciute con la consapevolezza di valere poco, sicuramente meno degli uomini. E loro, contando solamente sulla loro giovinezza e sulla loro testardaggine, trovano nella prostituzione la loro libertà ed emancipazione. Diventano donne forti, lontane anni luce dalla durezza dei loro padri e dalla tristezza delle loro madri. Nabil Ayouch ha utilizzato attori non professionisti. Appena terminate le riprese, ha postato alcune scene su YouTube. Sono state viste in pochissimo tempo da sette milioni di persone. "Much Loved" non è il primo film a creargli problemi. Il regista vive sotto scorta dal 2012, da quando girò "Cavalli di Dio", film dove mostrava il contesto sociale in cui sono cresciuti i giovani kamikaze che si fecero esplodere, il 16 maggio 2003, in varie zone di Casablanca, causando 41 morti e centinaia di feriti. Sia Ayouch sia gli attori, per "Much Loved", hanno ricevuto minacce di morte.


ARTICOLI CORRELATI
L'annuncio è arrivato oggi 3 settembre dalla compagnia di bandiera, Roma sarà collegata con la grande città marocchina.
Quando i comunisti attaccarono “Ultimo tango a Parigi” e un avvocato fascista lo riportò nelle sale
Le polemiche sull'esibizione del rapper al Concertone del Primo Maggio
I PIU' LETTI IN APPUNTAMENTI
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Nella serata di ieri la via Velletri ha conquistato tre vittorie. Il Selvatico guida la classifica generale
Data di pubblicazione: 2019-08-09 13:17:49
2
Il corteo storico serve a fermare un momento storico che rievoca la visita di Papa Paolo V a Montefortino
Data di pubblicazione: 2019-08-03 16:55:23
3
A SPASSO NEL FINE SETTIMANA CON ANCI LAZIO Dove andare a Roma e nel Lazio nel week end del 16, 17 e 18 Agosto
Un mare di sagre e eventi avvolgono tutta la nostra Regione in un’atmosfera di divertimento goliardico
Data di pubblicazione: 2019-08-13 22:52:18
4
All'interno classifica generale e classifica provvisoria del tiro alla fune
Data di pubblicazione: 2019-08-06 11:06:28
5
Alessandro Acciarito, via Giulianello: "Avanti senza paura”. Roberto Frate, contrada Selvatico: "Evviva il Palio di Artena"
Data di pubblicazione: 2019-08-07 14:38:46
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]