Domenica 18 Agosto 2019 ore 01:09
Minori. Arriva la scheda per individuarne la vulnerabilità
Una scheda che individui nei bambini 0 - 24 mesi, gli indicatori di vulnerabilità senza definirne necessariamente la patologia

Una scheda che individui nei bambini gli indicatori di vulnerabilità senza definirne necessariamente la patologia. È il modello di rilevazione 0-24 mesi presentato oggi a Roma, nel corso del XVI convegno nazionale dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) su ‘Il processo diagnostico nell’infanzia, elaborato dall’IdO insieme a Emanuele Trapolino, neuropsichiatra infantile dell’Ospedale Giovanni Di Cristina (Arnas) di Palermo, e Davide Trapolino, specializzando in neuropsichiatria infantile. Le aree indagate dal modello sono: sviluppo psico-motorio, competenze autoregolatorie del bambino, competenze eteroregolatorie del caregiver e reciprocità nella vicenda interattiva. “Abbiamo l'esigenza di individuare degli indicatori della relazione fisiologica madre-bambino in grado di predirne la normalità o anormalità. Il principio- spiega Emanuele Trapolino- è quello di stabilire alcuni criteri su cui si organizza la prima regolazione del bambino con il suo caregiver, le modalità di interazione primaria, i modelli che regolano l'intersoggettività primaria e secondaria e, infine, stabilire i parametri comunicativi che in quella coppia segnano il passaggio - poi a livello sempre più integrato - di scambio e interazione reciproca”. In ultimo, conclude il medico, “individuare la giusta gestazione emotiva”.

Lo strumento è nato dal lavoro sinergico tra neuropsichiatri infantili e psicologi dello sviluppo e “può essere condiviso con operatori differenti: da colleghi a pediatri, da insegnanti a operatori di nidi e alle tante altre figure che ruotano attorno al bambino”, aggiunge Elena Vanadia, neuropsichiatra infantile dell’IdO. Dal punto di vista tecnico la scheda è suddivisa in quattro fasce di età: 0-6 mesi; 7-12; 13-18 e 19-24. “Per ciascuna domanda ci sono tre risposte-precisa la neuropsichiatra dell’IdO- da cui si ricava un punteggio che tende a quantificare le entità dei segni presentati dal bambino. È un indicatore di vulnerabilità- sottolinea- a cui segue un'analisi qualitativa, necessaria per i suggerimenti, o comunque per le modalità di abilitazione, laddove servissero da utilizzare rispetto a quel bambino”. Il modello è già in uso è già in uso presso l’IdO e nell’ospedale di Palermo. “Stiamo completando la fase di standardizzazione per ogni fascia d'età, comparando punteggi numerici che indicheranno il grado di vulnerabilità e- conclude Vanadia- stiamo infine ultimando una griglia per le diverse analisi qualitative relative alle differenti aree dello sviluppo”.


ARTICOLI CORRELATI
Sifo presenta le linee guida per la sicurezza. Solo tre farmacie ospedaliere, su 21 esaminate, sono sicure
IdO: Aiutare i genitori a riscoprire il valore del gioco spontaneo. Convegno nazionale a Roma, dal 21 al 23 Ottobre
"Si sta aprendo uno scenario di altri strumenti a sostegno dell’infanzia”. Lo dice Magda Di Renzo, dell’Istituto di Ortofonologia (IdO)
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]