Lunedì 22 Luglio 2019 ore 21:32
FARMACI EQUIVALENTI
Sanità, farmaci equivalenti, un cittadino su due non si fida
Sifo aderisce alla campagna di Cittadinanzattiva per far conoscere i farmaci equivalenti

Nonostante costino meno, in Italia i farmaci equivalenti sono usati poco: sono solo il 19% dei medicinali utilizzati, contro l'80% della Germania o il 45% della Spagna. Non solo, quasi un paziente (47,3%) su due non si fida di lasciare la terapia col generico per usare l'equivalente o ha dubbi nel farlo (21,6%). E' questo il panorama tracciato dall'Ocse che ha spinto Cittadinanzattiva - Tribunale per i diritti del malato a lanciare una campagna per sfatare falsi miti e aiutare i cittadini a scegliere la terapia di cura piu' giusta. Al progetto, che ha preso il via nelle scorse settimane, hanno aderito diverse associazioni ed enti, tra cui Sifo, la Societa' dei farmacisti ospedalieri e delle aziende territoriali. Insieme agli esperti di Cittadinanza attiva e degli altri enti partecipanti (a partire da Aifa), anche i farmacisti si siederanno al tavolo di lavoro che ha il compito di mettere a punto messaggi chiave e altre attivita' di sensibilizzazione per promuovere un rapporto "maturo e consapevole" con il farmaco equivalente.

Cittadinanzattiva ha preso le mosse da uno studio dell'Ocse (i dati sono contenuti nel rapporto "Health at Glance 2015") sul farmaco generico, da cui appare che l'Italia e' un po' un 'fanalino di coda' in questo campo. L'incremento nell'uso di farmaci generici, infatti, ha sì contribuito alla riduzione dei prezzi e della spesa italiana, ma l'utilizzo degli equivalenti e' ancora basso. E' quadruplicato dagli anni 2000, ma sul totale dei farmaci utilizzati arriva solo al 19%, contro una media Ocse del 48%, l'83% in Gran Bretagna, l'80% in Germania e la Spagna 47%. L'impatto di questo scarso utilizzo e' evidente in Italia se si guarda alla spesa sostenuta dai cittadini, che inconsapevolmente finiscono per spendere di più.


ARTICOLI CORRELATI
La sanità pubblica dovrebbe essere uno dei servizi migliori, ma parliamo di un discorso che in Italia, da sempre, non trova riscontri
E' un documento per la tutela degli operatori sanitari che preparano e maneggiano i farmaci oncologici, potenzialmente cancerogeni
Da Catania un'idea per incrementare sicurezza e prevenzione, al via corsi di formazione per creare farmacisti attenti al fenomeno. Potranno monitorare dati e diffondere buone pratiche e informare i cittadini
I PIU' LETTI IN SALUTE E BENESSERE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La remissione completa e stabile di tumori della mammella e della prostata senza intervento chirurgico, chemio o radio
2
L’unica misura realmente efficace per contenere l’inarrestabile diffusione del cancro, è la prevenzione farmacologica
3
Il caso clinico: Un bimbo presenta alla nascita una neoformazione di 6 cm all’arto inferiore destro, asportata dopo soli 12 giorni di vita
4
Il ruolo cancerogeno svolto da fattori ambientali è sempre più rilevante
5
In 3 mesi con la cura Di Bella una riduzione della massa tumorale di oltre il 50%, dato certificato e firmato da un oncologo che consiglia il proseguimento del MDB
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]