Lunedì 09 Dicembre 2019 ore 19:52
PROCESSO DI SECONDO GRADO
Estorsione, arrestato allevatore a Poggio Mirteto
Un 50enne deve scontare un residuo di pena: alcuni anni fa era stato riconosciuto colpevole di associazione a delinquere per favoreggiamento dell'immigrazione

Un allevatore di 50 anni, C.  A.,  è finito in manette per un residuo pena per il reato di estorsione in concorso. I fatti risalgono ad alcuni anni fa, quando l'uomo era stato denunciato nell’ambito di una più complessa attività investigativa nella quale erano emersi gravi indizi di colpevolezza per associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed all’estorsione.

L’allevatore, unitamente ad altre 25 persone, aveva avuto un ruolo di primo ordine in seno all’organizzazione e nel corso di tale vicenda, aveva scontato una parte della pena. Nella sentenza emessa la vigilia di Natale dalla Corte d’Appello di Roma a seguito di processo di secondo grado, è risultato che l’uomo doveva espiare un residuo pena di 4 mesi e pertanto nei suoi confronti, la citata Autorità Giudiziaria ha emesso il provvedimento restrittivo da scontare in regime di arresti domiciliari. I Carabinieri di Poggio Mirteto lo hanno individuato e portato in caserma, dove successivamente alla notifica del provvedimento e alle formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione per l’espiazione della pena detentiva.


ARTICOLI CORRELATI
In totale 24 arresti, sgominata associazione a delinquere guidata da 3 noti pregiudicati. Arrestati anche 3 uomini appartenenti alle Forze di Polizia
Con l'aiuto di un ex impiegato di Equitalia avrebbero truffato 50 clienti "facendo la cresta" sull'Iva e i contributi Inps
Un operaio 53enne ha alzato le mani contro i due familiari dopo una lite per futili motivi legati alla convivenza
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Si parte soprattutto dalle regioni del Nord con in testa Lombardia e Veneto, terza la Sicilia
Data di pubblicazione: 2019-12-09 14:06:34
2
"La sicurezza sul lavoro è un tema fondamentale, il Lazio ha un triste primato: il numero di vittime più alto rispetto alla media nazionale"
Data di pubblicazione: 2019-12-09 12:54:50
3
Faceva credere di versare gli assegni ricevuti a favore della Compagnia Assicuratrice, ma la nota Compagnia assicurativa era all'oscuro delle truffe che si stavano perpetrando
Data di pubblicazione: 2019-12-09 10:22:39
1
Mentre la Capitale annaspa tra i rifiuti e cade nelle buche si celebra in gran fasto l'accensione di "Spelacchio"
Data di pubblicazione: 2019-12-08 09:33:51
2
Faceva credere di versare gli assegni ricevuti a favore della Compagnia Assicuratrice, ma la nota Compagnia assicurativa era all'oscuro delle truffe che si stavano perpetrando
Data di pubblicazione: 2019-12-09 10:22:39
3
"La sicurezza sul lavoro è un tema fondamentale, il Lazio ha un triste primato: il numero di vittime più alto rispetto alla media nazionale"
Data di pubblicazione: 2019-12-09 12:54:50
4
Si parte soprattutto dalle regioni del Nord con in testa Lombardia e Veneto, terza la Sicilia
Data di pubblicazione: 2019-12-09 14:06:34
1
Dopo le piogge violente del mese di novembre, masse di terreno si staccano, danni ingenti
Data di pubblicazione: 2019-12-03 09:41:30
2
I finanzieri coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia stanno eseguendo nelle province di Roma, Latina, Napoli e Bari 16 ordinanze di custodia cautelare
Data di pubblicazione: 2019-12-02 11:41:22
3
Treni vecchi e spesso guasti, ritardi costanti e stazioni fatiscenti; i pendolari dicono basta
Data di pubblicazione: 2019-12-03 10:47:43
4
Il quartiere scende in strada perché non ha bisogno di irruzioni poliziesche, ma di strutture e investimenti
Data di pubblicazione: 2019-12-05 09:05:51
5
La figlia del brigadiere deceduto non crede al suo suicidio e si prepara a lottare anche da sola per la verità
Data di pubblicazione: 2019-12-06 09:05:18
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]