Lunedì 24 Giugno 2019 ore 19:50
SINDACO AMAREGGIATO
Frosinone, il sindaco tuona: "Tifosi trattati come deportati"
"Prima di arrivare al San Paolo sono stati fotosegnalati e a tutti hanno fatto togliere le cinture, nemmeno fossero dei carcerati"
L'Avv. Nicola Ottaviani, sindaco di Frosinone

"I nostri tifosi trattati come dei deportati". Non usa giri di parole il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani,intervenuto alla trasmissione radiofonica Roma Ore 10 su Teleradiopiù, condotta da Francesco Vergovich. Il primo cittadino ha espresso la propria, pacata indignazione in merito ai controlli della Polizia ai quali sono stati sottoposti i tifosi ciociari il pomeriggio di sabato, poco prima dell'incontro con il Napoli.

"Decine di bus dei nostri tifosi - spiega il sindaco - sono stati bloccati ben prima dell'arrivo allo stadio San Paolo, all'altezza di Casoria. Erano controlli di rito ma si è andati decisamente oltre: i supporters del Frosinone sono stati fotosegnalati preventivamente, nemmeno fossero deportati. Si trattava di una partita tranquilla, con la squadra ormai retrocessa e con diverse famiglie che volevano solamente assistere a una partita di calcio".

Ottaviani ha aggiunto un altro particolare, che lo ha lasciato molto amareggiato: "A tutti i passeggeri dei bus, sono state fatte togliere le cinture a tutti, cosa che avviene solo quando si va al carcere e si passa la porta carraia". Il sindaco riconduce questo atteggiamento da parte della Polizia alla disparità di trattamento nei confronti delle tifoserie del campionato si Serie A: "I tifosi del Frosinone - attacca Ottaviani- sono bistrattati solo perché appartengono a una piccola provincia e non fanno parte di un'area metropolitana che gode di maggiore considerazione e visibilità. Quanto è accaduto a Napoli è solo l'ultimo degli episodi che si sono verificati quest'anno. Per esempio, ai nostri tifosi venne vietata la trasferta di Firenze poiché, evidentemente, si temeva l'arrivo di alcuni scalmanati. Ma la settimana successiva, in occasione di Fiorentina-Roma, i tifosi della squadra giallorossa arrivarono fino alla stazione di Santa Maria Novella". 

Ottaviani ha specificato di ritenere giusti e doverosi i controlli ma "sarebbe altrettanto giusto che a pagare siano solo gli indisciplinati e non un'intera tifoseria. Invece i supporters del Frosinone hanno dovuto subire una disparità di trattamento evidente: debbo constatare che con i deboli ci si comporta da forti e con i forti ci si comporta da deboli". Un epilogo di serie A amaro per i tifosi gialloblù, che invece la settimana scorsa erano saliti alla ribalta per gli applausi rivolti ai propri giocatori al termine della sconfitta casalinga con il Sassuolo, che ha sancito la retrocessione in serie B.

* Foto del sindaco, dal suo profilo Facebook.


ARTICOLI CORRELATI
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
La Roma batte il Pescara in trasferta per 1-4 e guadagna punti sul Napoli, adesso a meno quattro in classifica
Decisi i 2 punti di raccolta: Parcheggio di scambio Metro Cipro e Stazione Termini, Piazza dei Cinquecento. Ecco i particolari
I PIU' LETTI IN INTERVISTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Sono venuta a lavorare a Roma per pagare le cure di mio figlio. La vita in strada è un incubo, ma presto ne verrò fuori"
2
A "Un Giorno Speciale" su Radio Radio vivace scambio di vedute sulla caccia. Tozzi: "I cacciatori sono dei poveracci"
3
L’abitante delle zone colpite dal sisma ha portato alla luce cose impensabili, inimmaginabili
4
Al Quotidiano del Lazio il giornalista racconta la sua triste esperienza, descritta nel libro "Ho ucciso il Cane Nero"
5
Mario Tozzi: “Chi fa il rabdomante per lavoro è un imbroglione e chi si affida a un imbroglione è un cretino”
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]