Domenica 21 Luglio 2019 ore 19:59
RICERCA SCIENTIFICA
Autismo: interesse mondiale per modello evolutivo italiano
In Italia esiste un modello evolutivo nella terapia per l'autismo, quale approccio alternativo a quello indicato dalle linee guida

(DIRE) Roma, 18 mag. - In Italia esiste un modello evolutivo nella terapia per l'autismo, quale approccio alternativo a quello indicato dalle linee guida, che ha ottenuto e continua ad avere risultati importanti, suscitando un forte interesse nella comunita' scientifica. Sono migliaia, infatti, le persone italiane e straniere che hanno letto l'ultimo articolo dell'Istituto di Ortofonologia di Roma (IdO) sul sito www.ortofonologia.it, dal titolo 'Il contagio emotivo nei bambini con disturbo dello spettro autistico'.

Lo studio e' stato recentemente pubblicato sulla rivista scientifica internazionale 'Austin Journal of Autism & Related Disabilities' . "Il modello evolutivo italiano ha dato grandi risultati- afferma Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie dell'IdO- lo conferma il fatto che il nostro intervento terapeutico abbia gia' permesso all'80% dei minori presi in carico dall'Istituto di uscire dalla condizione dello Spettro, e contiamo di raggiungere una percentuale del 90%. Per i bambini autistici, invece, saremmo contenti se riuscissimo a superare la soglia del 30% di quanti escono dall'autismo, e di un altro 30% di quanti cambiano la diagnosi dall'autismo allo Spettro". E' estremamente interessante, inoltre, la possibilita' di poter predire in modo affidabile l'evoluzione del bambino in base alla terapia proposta perche' consente di aprire nuove strade: "E' importante che l'intervento precoce sia affiancato da un'attendibile ipotesi clinica della qualita' dei risultati che si vogliono raggiungere.

Per farlo- precisa Di Renzo- noi misuriamo sia le capacita' di ragionamento induttivo e deduttivo nell'Indice Ragionamento Fluido (quell'inte lligenza non condizionata dagli apprendimenti verbali) con la somministrazione del test Leiter-r, che la presenza di contagio emotivo (ovvero la presenza o assenza di sintonizzazione affettiva nel bambino attraverso l'osservazione della sua risposta automatica e precognitiva comport amentale ed emozionale di fronte a uno stimolo strutturato) utilizzando il 'TCE - Test Contagio Emotivo'. Queste due capacita' rappresentano un indice predittivo del futuro sviluppo dei bambini con tale sindrome". Il TCE, ideato dalle psicoterapeute dell'eta' evolutiva dell'IdO Magda Di Renzo e Marianna Stina', e' distribuito da Hogrefe e consiste in un protocollo di somministrazione e codifica standardizzata. Si compone di un manuale e un video-test, presentando 16 campi di osservazione per ognuna delle 4 emozioni di base: felicita', tristezza, paura e rabbia. Infine, per avere una panoramica sui risultati raggiunti dall'approccio evolutivo dell'IdO nel lungo periodo, basta consultare questo articolo.


ARTICOLI CORRELATI
Il direttore dell'IdO: "Ci insultano e rivendicano il diritto di scelta dei genitori alla terapia per i figli, ma solo se la "scelta" è la loro"
IdO: Aiutare i genitori a riscoprire il valore del gioco spontaneo. Convegno nazionale a Roma, dal 21 al 23 Ottobre
Sifo presenta le linee guida per la sicurezza. Solo tre farmacie ospedaliere, su 21 esaminate, sono sicure
I PIU' LETTI IN SALUTE E BENESSERE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La remissione completa e stabile di tumori della mammella e della prostata senza intervento chirurgico, chemio o radio
2
L’unica misura realmente efficace per contenere l’inarrestabile diffusione del cancro, è la prevenzione farmacologica
3
Il caso clinico: Un bimbo presenta alla nascita una neoformazione di 6 cm all’arto inferiore destro, asportata dopo soli 12 giorni di vita
4
Il ruolo cancerogeno svolto da fattori ambientali è sempre più rilevante
5
In 3 mesi con la cura Di Bella una riduzione della massa tumorale di oltre il 50%, dato certificato e firmato da un oncologo che consiglia il proseguimento del MDB
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]