Lunedì 22 Luglio 2019 ore 04:54
SPECIALE EUROPEO
Il sogno si ferma sul dischetto: Germania- Italia 7-6 d.c.r.
L’Italia esce a testa alta dall’Europeo perdendo dopo i calci di rigore contro la Germania

Il sogno è finito, l’Italia si ferma ai quarti di finale dell’Europeo 2016. Allo stadio Nouveau Stade de Bordeaux gli Azzurri escono dopo la roulette dei rigori contro i campioni del mondo, la Germania. Partita molto equilibrata quella tra le due compagini segnate da una rivalità storica, con l’Italia mai battuta dalla nazionale tedesca nelle fasi finali delle competizioni che contano. La Germania si è presa la sua rivincita, ma l’Italia esce a testa altissima.

Nel primo tempo gli Azzurri soffrono un po’ le ripartenze dei tedeschi che muovono moto bene il pallone in mezzo al campo. Dopo un quarto d’ora tegola per Joachim Löw costretto alla sostituzione di Khedira per un problema muscolare, al suo posto entra Bastian Schweinsteiger che si prende la fascia di capitano. La concretezza difensiva della squadra di Conte riesce a larghi tratti ad ingabbiare la Germania che si affaccia poche volte di fronte alla porta difesa da Buffon. La più grande occasione da rete della prima frazione, infatti, capita sui piedi di Stefano Sturaro: minuto 44’, solito lancio in profondità di Bonucci che cerca l’inserimento di Giacherrini, il giocatore del Bologna aggancia il pallone e lo serve a rimorchio dove arriva Sturaro che calcia di potenza, ma Boateng compie un miracolo e toglie il pallone dallo specchio. Nella ripresa, la gara si accende e la squadra di Low prima sfiora il vantaggio con Muller su cui salva Florenzi, poi trova la via del gol al 65’. Rilancio lungo di Neur che trova Gomez, l’ex Fiorentina scappa sulla fascia e sfrutta la sovrapposizione di Hector che mette in mezzo, palla sporcata da Bonucci su cui si avventa Ozil che sblocca il match. L’Italia sbanda e qualche minuto dopo rischia la seconda rete con Gomez che da pochi metri si fa ipnotizzare da Buffon. Gli Azzurri si ricompattano e spingono per trovare il pari e proseguire il sogno e ad un quarto d’ora dalla fine il pari arriva. Cross in mezzo di Florenzi, Chiellini gira di testa e Boateng respinge con il braccio, l’arbitro non ha dubbi: calcio di rigore. Della battuta si incarica Bonucci che non sbaglia. Termina il match con le squadre esauste, ma con la voglia di non mollare. Nell’over time accade poco e dopo 120 minuti di sofferenza il match lo decidono i rigori. La roulette dei rigori non ci porta fortuna, come nel 2006, perché dopo ben 9 penalty l’Italia esce. Dal dischetto molti errori con Zaza, Pellè e Bonucci che sbagliano nella serie da 5 e poi ad oltranza sbaglia Darmian che offre a Hector la possibilità di passare in semifinale. Il terzino del Colonia, sotto la curva dei tifosi italiani, batte Buffon e porta la Germania in semifinale dove affronterà la vincente tra Francia e Islanda.


ARTICOLI CORRELATI
L’Italia di Conte, con molti cambi rispetto alla partita contro la Svezia, perde contro l’Irlanda, ma conserva il primato del girone e adesso agli ottavi sfiderà la Spagna
Un’Italia non troppo brillante batte la Svezia nel finale con una rete di Eder e vola agli ottavi dell’Europeo
L’Europeo è alle porte, domani l’Italia affronterà l’ultimo test prima della spedizione in Francia, dove l’attende un girone di fuoco
I PIU' LETTI IN SPORT I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La Roma batte il Pescara in trasferta per 1-4 e guadagna punti sul Napoli, adesso a meno quattro in classifica
2
Seconda sconfitta di fila per la Lazio che dopo il KO contro la Fiorentina cade in casa contro l’Inter per 1-3 e rischia di perdere il quarto posto in classifica
3
Stasera torna il Derby del Cuore. Attori, cantanti e calciatori di Roma e Lazio si sfidano per solidarietà
4
Il giocatore era rientrato dal Pescara, che ha acquistato la metà di Caprari
5
Arriva il fischio finale, finisce in pareggio la grande sfida al San Paolo. Il Napoli è più tambureggiante in attacco, ma non trova il gol
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]