Lunedì 24 Febbraio 2020 ore 03:55
GIOCHI D'AZZARDO
Boom di incidenti d'auto per giocare al Pokemon go: Come funziona
Un fenomeno molto pericoloso si sta diffondendo come pratica comune tra gli utenti di Pokémon GO: la ricerca sullo smartphone alla guida delle auto

Pokémon GO, il nuovo videogioco sviluppato da Niantic e prodotto da Nintendo, è di gran lunga la più importante novità del 2016 nel mondo delle app per smartphone. Ad una sola settimana dal lancio negli Stati Uniti sono stati registrati oltre 21 milioni di utenti attivi, record assoluto nel vasto e ricco universo dei giochi per cellulari. Le ragioni di questo boom commerciale sono da ricondurre a due fattori: il rilancio di uno dei media franchise di maggior successo al mondo e soprattutto l’aver proposto una nuova modalità di gioco che sembra destinata a rivoluzionare il panorama dei videogames: la realtà aumentata.

Per realtà aumentata si intende la possibilità di esplorare l’ambiente che ci circonda accedendo ad informazioni non coglibili con i nostri sensi ed in alcuni casi soltanto virtuali. Nel caso di Pokémon GO, l’utente viene calato attraverso il proprio device in un videogioco nel quale è invitato a muoversi nel mondo reale in cerca di creature immaginarie, con lo scopo di catturarne il più possibile e lottare con altri utenti per il possesso di strutture chiamate “Palestre”.

È facile comprendere come questa nuova frontiera del divertimento virtuale possa divenire uno strumento educativo di ampia portata: i luoghi d’interesse nel videogioco sono spesso monumenti o edifici di interesse storico ed artistico, cosa che può convogliare, anche solo per il tempo di una passeggiata, migliaia di ragazzi e ragazze nei centri storici delle città italiane. Tuttavia si sta sollevando un grave problema di sicurezza stradale che ha spinto i governi di Stati Uniti e Giappone ad invitare alla prudenza chi decida di cimentarsi in questo svago tecnologico.

C’è infatti un fenomeno molto pericoloso si sta diffondendo come pratica comune tra gli utenti di Pokémon GO: la ricerca sullo smartphone alla guida delle auto. Questa pratica ha già causato diversi incidenti e appare davvero un rischio concreto visto l’altissimo numero di giocatori presenti nel mondo. Infatti percorrendo una strada in auto ci si può imbattere in alcuni pokémon e distrarsi per qualche secondo cercando di catturarli rischiando di causare tamponamenti o incidenti più gravi. C’è da sperare che la campagna di sensibilizzazione al tema sia in grado di arginare un malcostume che evidenzia una mancanza di senso civico e di attenzione all’incolumità di automobilisti e pedoni.


ARTICOLI CORRELATI
Ieri sera, venerdì 26 agosto, intorno alle 20,30 un pauroso incidente in via Tiburtina, uno scontro frontale all'altezza di Villa Adriana
Un 25enne era stato arrestato per furto dalla Polizia grazie alle riprese di alcuni ragazzini che stavano giocando a Pokemon Go. Appena libero ha picchiato madre e fratello
I sinistri nel comprensorio di Rieti: bilancio è di alcuni feriti ma poteva andare peggio visto che si è verificato un frontale e un'auto si è ribaltata
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Con questa iniziativa, Lidl risponde all'appello di "Too Good To Go", un movimento impegnato contro gli sprechi di cibo fondato nel 2016 in Danimarca
Data di pubblicazione: 2020-02-23 16:42:01
1
Il piccolo è affetto da distrofia muscolare e si trova su una carrozzella, la mamma: "Il sacerdote ci ha buttati fuori"
Data di pubblicazione: 2020-02-12 09:55:40
2
A partire da oggi sono aperte le posizioni manageriali; per queste figure professionali è previsto un salario d'ingresso pari a 1.550,00 euro lordi
Data di pubblicazione: 2020-02-11 10:27:50
3
Un passante, presente al momento della tragedia, ha immediatamente comunicato il fatto alle autorità di pubblica sicurezza
Data di pubblicazione: 2020-02-13 18:17:37
4
La donna si è presentata al Pronto Soccorso del Grassi di Ostia lamentando febbre e problemi respiratori
Data di pubblicazione: 2020-02-21 20:34:07
5
Quando il verificatore ha chiesto al ragazzo di mostrargli il titolo di viaggio, il giovane lo ha prima preso a male parole e in seguito è passato alle mani
Data di pubblicazione: 2020-02-06 11:19:25
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]