Giovedì 19 Settembre 2019 ore 04:46
Ecce italia, eccellenze nazionali prodotte nei borghi italiani
Intervista al Presidente di Ecce Italia, Rocco Corsetti, che si occupa di promuovere le produzioni di eccellenza dei Borghi italiani

Con questa intervista al Presidente di Ecce Italia, Rocco Corsetti, cercheremo di saperne di più su una nuova realtà che si occupa di promuovere le produzioni di eccellenza dei Borghi italiani.

Allora Presidente cos'è Ecce Italia ?

Ecce Italia è un Consorzio nato con l'intento di valorizzare le migliori produzioni dei " Borghi più belli d'Italia", ovvero di quei piccoli Comuni che aderiscono all'omonimo Club. E' necessario premettere che il Club dei Borghi più belli d'Italia è un'associazione ANCI attiva dal 2001, nata con l'obiettivo di promuovere le bellezze di piccoli centri italiani opportunamente selezionati facendo riferimento a tutto il patrimonio artistico, storico e culturale del territorio, incluse le eccellenze della tradizione enogastronomica e artigianale. Il Consorzio interviene proprio per potenziare quest'ultimo aspetto.

Dunque com'è nato il Consorzio e qual è il suo principale obiettivo?

Ecce Italia è stato promosso dal Club come soggetto delegato in esclusiva alla promozione dell' enogastronomia e dell'artigianato dei Borghi più belli d'Italia, che sono ormai oltre 250 Comuni. Si può dire che l'eccellenza sia per noi uno dei vari aspetti della bellezza, così come questa viene intesa dal Club, perché rappresenta il legame identitario tra il prodotto e il suo territorio.

Come svolgete il vostro ruolo?

I primi passi del Consorzio hanno riguardato la selezione di Aziende di eccellenza che hanno aderito alle nostre iniziative diventando nostre associate. Con loro abbiamo organizzato le prime mostre-mercato di artigianato ed enogastronomia nei Borghi, nell'ambito delle manifestazioni nazionali del Club. Oggi, dopo questi anni di attività abbiamo sviluppato le iniziative promozionali e commerciali grazie soprattutto al consolidamento dei rapporti commerciali con Eataly a Roma, iniziati nel 2014.

Quante aziende hanno finora aderito alla vostra proposta?

Lo scorso anno è stato l'anno dell' EXPO e quindi anche del lancio vero e proprio che ci ha permesso di raccogliere fino ad oggi quasi un centinaio di adesioni.

Ci parli ora della collaborazione con Eataly e come si articola la vostra presenza nella struttura di Roma Ostiense?

Eataly è ormai un modello nel mondo della nostra cultura Enogastronomica e del cibo italiano di qualità. Per noi è innanzitutto un modello di business che ha saputo dare risalto a tutte quelle piccole produzioni locali che esprimono il forte legame con il territorio ed anche per questo abbiamo sempre puntato a tale collaborazione, considerandola una convergenza "naturale", direi quasi obbligata. Quest'anno siamo presenti a Eataly Roma con uno spazio interamente riservato al 2° piano. Nella nostra area è possibile non solo acquistare i prodotti tipici dei Borghi, ma anche assaggiare le nostre selezioni di vini, birre artigianali, salumi e formaggi presso il nostro Street food che abbiamo in gestione insieme all'Osteria dei Borghi più belli d'Italia. Per la gestione del Ristorante ci avvaliamo della collaborazione della " Boscolo Etoile Academy", una delle Scuole di cucina più accreditate d'Italia. I loro Chef propongono i piatti tipici della tradizione regionale italiana rivisitando le ricette in chiave creativa con un connubio di tradizione e modernità che i nostri clienti apprezzano moltissimo.

E' tutto. Desidero però rivolgere due ringraziamenti: il primo al Presidente Rocco Corsetti che con questa iniziativa contribuisce a far conoscere meglio le Eccellenze di "nicchia" del nostro paese, il secondo ad Anna Lisa Serafini che ha collaborato alla realizzazione di questa intervista. Tutto questo e altro è Ecce Italia.

Grazie per l'attenzione e un cordiale saluto da Filippo Crescimanno.


ARTICOLI CORRELATI
I Nas hanno sequestrato in tutto il Paese quattro tonnellate di prodotti alimentari
In Italia c’è ovunque un fritto di tutto rispetto: vi parleremo del fritto piemontese, bolognese, romano e napoletano
Riempivano borse e giacche di prodotti alimentati. Arrestate dalla Polizia di Stato
I PIU' LETTI IN INTERVISTE
GIORNO SETTIMANA MESE
1
A spiegare il fenomeno e come possono essere prevedute le cadute dell'anziano, è Anna Pagano, geriatra e fisiatra dell'Icot sede di Latina
Data di pubblicazione: 2019-09-12 15:42:26
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]