Sabato 04 Aprile 2020 ore 07:53
PARCO NATURALISTICO DI VULCI
Vulci Reggae Vibration con Alborosie e Raina di Villa Ada Posse
"L’idea del progetto “The Rockers” è nata circa un anno fa e si inserisce all’interno di un cammino, ormai di una vera e propria missione

Vulci Music Festival, organizzato da Amadeus  Entertainement e Imarts in collaborazione con ATCL, Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio, con il patrocinio del Comune di Montalto di Castro nello splendido Parco Naturalistico Archeologico di Vulci a Montalto di Castro in provincia di Viterbo presenta giovedì 4 agosto: Vulci Reggae Vibration con Alborosie e in apertura, Raina di Villa Ada Posse, Inna Cantina Sound e Verrospia. Dopo il concerto di Alborosie Dj set di Raina.

Da venerdì 24 giugno arriva in tutte le radio "A piedi scalzi", il nuovo brano del cantante reggae, produttore e polistrumentista Alborosie con la straordinaria partecipazione di Giuliano Sangiorgi dei Negramaro. Il nuovo brano anticipa la prossima uscita di “The Rockers” (Saifam/Self distribuzione), il nuovo progetto discografico di Alborosie dedicato al mercato italiano che ne ha personalmente curato la produzione artistica.

"L’idea del progetto “The Rockers” è nata circa un anno fa e si inserisce all’interno di un cammino, ormai di una vera e propria missione, che dura da più di vent’anni – dichiara Alborosie – All’interno del progetto ci sono moltissimi artisti di ogni genere e tipo. Giuliano Sangiorgi è uno dei primi compagni di questo viaggio. In uno scenario Europeo che vede l’accentuarsi delle differenze e l’ampliarsi delle divisioni politiche, economiche e anche sociali, “A piedi scalzi” vuole lanciare un messaggio e far prendere coscienza di quanto le differenze e le diversità tra le persone rappresentino un valore e una ricchezza e non un limite o una negatività".

“Dove inizio io, finisci sempre te” – racconta Giuliano Sangiorgi – un elementare concetto “double face” che io ho provato a cantare nella speranza di riuscire a ricordare a tutti che la libertà individuale, se vuole davvero essere sinonimo di pienezza e felicità, non può prescindere dal rispetto per gli altri. In quest’ottica, “A piedi scalzi” diviene dunque un invito ad abbandonare ogni rassicurante corazza e a spogliarsi di ogni convenzionale sovrastruttura, auspicando il ritorno a un contatto diretto con la natura, in un abbraccio avvolgente con il mondo intero in cui la pelle risulti, ancora per poco, l’ultima frontiera del nostro pregiudizio. Perché “Soltanto se diversi possiamo esistere insieme”. Consapevoli dell’inutilità dell’odio, in un’esistenza fragile e precaria, che è da sempre uno schizofrenico veleggiare verso l’ignoto. “Sotto la pelle siamo solo ossa e polvere”.

Il 50% del ricavato del singolo “A piedi scalzi” sarà, inoltre, devoluto in beneficienza a STAND UP FOR JAMAICA ONLUS, un'associazione senza fini di lucro nata nel 1999 per iniziativa di alcuni volontari del Gruppo Italia 105 di Amnesty International, che persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale nel settore della beneficenza. L’attività istituzionale è diretta ad arrecare benefici a soggetti svantaggiati, versanti in specifiche condizioni di bisogno in ragione di condizioni economiche e sociali, sia come singola iniziativa dell’associazione stessa, sia come supporto ad iniziative di altre associazioni umanitarie e di volontariato che perseguano attività con le medesime finalità dell’associazione.

Inoltre, è disponibile in tutto il mondo “FREEDOM & FYAH” (Vp Records/Self), l’ultimo progetto discografico di ALBOROSIE composto da 13 tracce da lui prodotte e realizzate nel suo studio di Kingston. Con questo nuovo disco l’artista è riuscito nell'ambiziosa impresa di creare sonorità fresche e contemporanee, mettendo ancora una volta in primo piano il classico sound roots reggae e contaminandolo con momenti più dub, tracce di dubstep ed echi di elettronica. Qui tutte le info sul disco. "Freedom & Fyah" è il nuovo album della stella italiana del reggae mondiale ALBOROSIE, in uscita venerdì 3 giugno per Vp Records e distribuito in Italia da Self. L'ultimo video estratto è "Fly 420", che ha superato le 200 mila visualizzzioni su YouTube anticipato dall'anthem "Poser", un chiaro esempio della sua filosofia di vita “sii coerente con te stesso”.

ALBOROSIE torna sulle scene dopo aver festeggiato vent'anni di carriera con il successo dell'ultimo disco "Sound The System", che lo ha portato ad esibirsi per quasi tre anni sui palchi di tutto il mondo. Il nuovo album "Freedom & Fyah" segna un nuovo capitolo per l'artista siculo, sempre più radicato ed acclamato nella sua terra adottiva, la Giamaica. Il talento dell'ex Reggae National Tickets si è riversato in 13 nuove tracce, prodotte e composte nel suo studio di Kingston dallo stesso ALBOROSIE, che è riuscito nell'ambiziosa impresa di creare sonorità fresche e contemporanee, mettendo ancora una volta in primo piano il classico sound roots reggae e contaminandolo con momenti più dub, tracce di dubstep ed echi di elettronica.

“Freedom & Fyah” è un concept album. Nella maggior parte dei miei album ci puoi trovare una traccia roots, una rub-a-dub e poi una ska, invece questa volta, hanno tutte fra loro un filo conduttore che le collega. È una nuova avventura per me, anche per quanto riguarda i testi: mi piace sperimentare sempre. Il reggae è un genere di musica caratterizzato dalle radici sociali, proprio per questo tratto temi come la politica, l’amore e la vendetta. D’altronde l’album si chiama "Freedom e Fyah”, no? Ciò significa che vi troverete di fronte a canzoni che parlano di libertà ma allo stesso tempo anche di fronte a testi molto taglienti. La motivazione è che al mondo c’è chi ama e chi no, quindi non posso essere ipocrita cantando sempre delle cose piacevoli e belle. Ogni tanto dobbiamo combattere, e io personalmente lo faccio attraverso le canzoni.>>

“Freedom & Fyah” vanta al suo interno collaborazioni d’eccellenza tra cui le stelle del reggae Protoje e Ky-Mani Marley e nuove voci che si stanno facendo notare nelle yard giamacane come la cantante Sandy Smith e Sugus, già corista di Dennis Brown e Gregory Isaacs ALBOROSIE ha dimostrato ancora una volta che la musica reggae non è più associata alla razza, al colore delle pelle o alla nazionalità, ma ha da sempre esteso la sua cultura oltre i confini la Giamaica: il successo di ALBOROSIE è proprio il simbolo di questo nuovo sentire che rende il reggae un messaggio d'amore universale. ALBOROSIE presenterà "Freedom & Fyah" in un lungo Tour Mondiale che in diverse tappe toccherà anche l'Italia:


ARTICOLI CORRELATI
I SUBSONICA l’unica band italiana capace di parlare un linguaggio internazionale
ALBOROSIE con i suoi vent’anni di carriera alle spalle è considerato l’ambasciatore italiano del reggae nel mondo
"La Rivoluzione Sta Arrivando Tour" continua con nuovi concerti nei principali festival italiani e nelle città non ancora toccate
I PIU' LETTI IN SPETTACOLI
GIORNO SETTIMANA MESE
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]