Venerdì 26 Aprile 2019 ore 11:54
APPELLO
Terremoto Appello dei farmacisti di Sifo: Non mandate più farmaci
E’ l’appello che arriva dai farmacisti ospedalieri di Sifo, la Società dei farmacisti ospedalieri e dei servizi territoriali delle Aziende sanitarie

ROMA – “Non mandate più farmaci”. E’ l’appello che arriva dai farmacisti ospedalieri di Sifo, la Società dei farmacisti ospedalieri e dei servizi territoriali delle Aziende sanitarie, impegnati in quest’ultima settimana sul fronte del terremoto che ha colpito la zona al confine tra Marche, Lazio e Umbria. L’appello arriva dai farmacisti che lavorano nell’ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno, in prima linea nei giorni dell’emergenza per approntare tutto il necessario e supportare l’accoglienza dei feriti provenienti dai paesi di Arquata del Tronto e Pescara del Tronto. Il direttore del dipartimento farmaceutico dell’ospedale di Ascoli, Isidoro Mazzoni, di concerto con la direzione del nosocomio, spiega che è importante diffondere il più possibile questo appello, perché nel distretto stanno continuando ad arrivare medicinali e altro materiale sanitario in eccesso. “Così si rischia di intralciare l’attività”, dice Mazzoni. Oltretutto le farmacie di comunità della zona terremotata di Ascoli Piceno sono perfettamente agibili e operative.

Sabato scorso, giorno dei funerali delle vittime di Arquata del Tronto, l’ospedale Mazzoni ha ricevuto la visita del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, venuto per salutare alcuni pazienti ricoverati (tra cui la piccola Giorgia, estratta viva dalle macerie dopo 15 ore), ma anche per portare il suo ringraziamento al personale che ha lavorato senza sosta per far fronte all’emergenza. Mattarella è andato a stringere la mano anche ai farmacisti ospedalieri. La notte del terremoto- racconta Mazzoni- alle 5 del mattino, a meno di due ore dall’evento eravamo già tutti operativi nella farmacia dell’ospedale di Ascoli, supportati dai colleghi di San Benedetto del Tronto. E abbiamo continuato a operare ininterrottamente per 60 ore”. Il super-lavoro dei farmacisti ha garantito una gestione ottimale della situazione, senza che si verificasse alcuna carenza o problema. Da un lato, gli ospedali di Ascoli e San Benedetto del Tronto potevano contare su scorte sufficienti di farmaci e dispositivi medici necessari in quei frangenti, dall’altro le esercitazioni che periodicamente i farmacisti ospedalieri di Ascoli svolgono, li hanno aiutati a mantenere il sangue freddo e ad essere pronti di fronte all’emergenza. Dopo i primi giorni di attività e una volta terminata l’accoglienza di tutti i feriti, l’attività della farmacia ospedaliera si è poi normalizzata. Un importante supporto, sul campo, è arrivato dal camper della Fofi (Federazione degli Ordini dei farmacisti), che in pa rticolare ha garantito la reperibilità notturna dei farmaci nei centri colpiti. (DIRE)

 


ARTICOLI CORRELATI
"Poltronari e riciclati di sinistra? L'Italia merita di più. Io ci sono, noi ci siamo, riprendiamoci il Futuro!"
Da Catania un'idea per incrementare sicurezza e prevenzione, al via corsi di formazione per creare farmacisti attenti al fenomeno. Potranno monitorare dati e diffondere buone pratiche e informare i cittadini
Incontrare i cittadini, rispondere ai loro dubbi e fornire indicazioni utili a una scelta consapevole che riguarda la salute e il benessere
I PIU' LETTI IN SALUTE E BENESSERE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La remissione completa e stabile di tumori della mammella e della prostata senza intervento chirurgico, chemio o radio
2
L’unica misura realmente efficace per contenere l’inarrestabile diffusione del cancro, è la prevenzione farmacologica
3
Il caso clinico: Un bimbo presenta alla nascita una neoformazione di 6 cm all’arto inferiore destro, asportata dopo soli 12 giorni di vita
4
Il ruolo cancerogeno svolto da fattori ambientali è sempre più rilevante
5
In 3 mesi con la cura Di Bella una riduzione della massa tumorale di oltre il 50%, dato certificato e firmato da un oncologo che consiglia il proseguimento del MDB
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]