Domenica 21 Aprile 2019 ore 02:19
SALUTE DONNA
Sanità, tumore seno, Tor Vergata: sono 48 mila nuovi casi l'anno
"Gli ultimi dati Istat indicano 48mila nuovi casi ogni anno di cancro della mammella, di cui purtroppo circa 14mila moriranno"

"Gli ultimi dati Istat indicano 48mila nuovi casi ogni anno di cancro della mammella, di cui purtroppo circa 14mila moriranno. Ma dobbiamo dire la verita': mentre sta aumentando l'incidenza dei nuovi casi, la mortalita' fortunatamente sta diminuendo grazie alla prevenzione e alla diagnosi precoce, che sono le cose piu' importanti in questo settore". Cosi' il professor Giuseppe Petrella, direttore Uoc Chirurgia Generale, Oncologica e Senologia presso il Policlinico universitario di Tor Vergata, intervistato dall'agenzia Dire in occasione del forum organizzato dall'Associazione Artemisia Onlus dal titolo 'Patologia mammaria: prevenzione, diagnosi e terapia', in corso oggi a Roma presso l'Auditorium Avr (in via Rieti, 13).

"Non si dovrebbe morire di cancro alla mammella- prosegue Petrella- nel senso che se tutte le donne facessero prevenzione e se il tumore fosse diagnosticato in un tempo precoce, c'e' oggi la possibilita' di guarigione al cento per cento. Ed e' questo il messaggio che noi dobbiamo inviare alle donne, di non avere paura, perche' molto spesso non si fanno controllare per il timore di quello che succede dopo. Le donne devono invece sapere che se si sottopongono a screening con cancro alla mammella in prima fase, come gia' ho detto prima, questo guarisce al cento per cento". Ma come si fa a coinvolgere anche le piu' giovani in un percorso di prevenzione?

"A mio giudizio- risponde l'esperto- si dovrebbe cominciare a fare informazione dalle scuole superiori. Due sono i tumori che colpiscono maggiormente le donne: quello della mammella e quello dell'utero. Fortunatamente- sottolinea-quello dell'utero e' diminuito moltissimo da quando si fa il pap test. Se noi allora iniziamo un'educazione sanitaria in un'eta' giovanile indubbiamente le nuove generazioni saranno pronte a fare programmi di screening e prevenzione". La situazione, pero', pare stia oggi migliorando... "È da 40 anni che mi interesso di senologia- racconta ancora Petrella alla Dire- e sto notando che le giovani donne vengono fortunatamente di piu' a farsi controllare. Sta quindi migliorando moltissimo l'approccio: mentre un tempo le ragazze non si facevano visitare, cosi' come quelle piu' adulte per una questione di pudore, oggi invece soprattutto le piu' giovani sono propense a farsi visitare perche' giustamente vogliono stare bene. Per stare bene, dico io, ci vogliono cinque minuti: basta fare una visita dai 20 anni in su e poi, se si avverte qualcosa- conclude- si fanno accertamenti"


ARTICOLI CORRELATI
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
Il metodo Di Bella è in grado di guarire il tumore alla prostata senza ricorrere alla chemioterapia o alla radioterapia
Da oggi tutte le donne di Valmontone, e non solo, sono un po’ più sole, perché hanno perso un’amica e una guerriera
I PIU' LETTI IN SALUTE E BENESSERE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La remissione completa e stabile di tumori della mammella e della prostata senza intervento chirurgico, chemio o radio
2
L’unica misura realmente efficace per contenere l’inarrestabile diffusione del cancro, è la prevenzione farmacologica
3
Il caso clinico: Un bimbo presenta alla nascita una neoformazione di 6 cm all’arto inferiore destro, asportata dopo soli 12 giorni di vita
4
Il ruolo cancerogeno svolto da fattori ambientali è sempre più rilevante
5
In 3 mesi con la cura Di Bella una riduzione della massa tumorale di oltre il 50%, dato certificato e firmato da un oncologo che consiglia il proseguimento del MDB
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]