Mercoledì 17 Luglio 2019 ore 06:53
CONDANNA AMBIENTALISTA
Sea shepherd, capitano condannato per violazioni leggi feringe
Gli ambientalisti di Sea Shepherd sono famosi per la loro difesa dei cetacei in tutto il mondo, e si ribellano

Il 25 novembre il tribunale di Tórshavn, capitale delle Isole Far Øer, Nazione costitutiva del Regno di Danimarca, dichiara Jessie Treverton, cittadina britannica e capitano di Sea Shepherd, colpevole di aver violato le leggi sul benessere animale causando "sofferenze non necessarie" a un branco di cetacei. Gli ambientalisti di Sea Shepherd sono famosi per la loro difesa dei cetacei in tutto il mondo, e si ribellano.

"Ogni anno- sostengono- più di 800 globicefali e altri piccoli cetacei vengono sistematicamente massacrati nelle Isole Fær Øer, in una pratica conosciuta come grindadráp, a cui Sea Shepherd si oppone attivamente sin dagli anni ''80". In una di queste azioni, il 17 settembre 2014, la Treverton e altri due membri dell'equipaggio di Sea Shepherd hanno tentato di proteggere dal grindadráp un branco di oltre 200 lagenorinchi acuti, una specie protetta e considerata a lieve rischio di estinzione dall'Iucn, "cercando di allontanarli da una delle 23 spiagge delle Isole Faroe deputate alle uccisioni- dicono gli ambientalisti- usando l'imbarcazione veloce MV Spitfire.

Dopo essere stati inseguiti e abbordati dalle forze armate danesi, l'imbarcazione è stata posta sotto sequestro e le tre donne sono state arrestate dalla polizia feringia". Il 24 novembre la Treverton è stata condannata al pagamento di una multa di 5.500 corone danesi, circa 740 euro.

"Sono molto contenta di accettare il verdetto della corte- commenta il Capitano- il quale stabilisce che l'aver condotto un branco di delfini alla salvezza è stato considerato una violazione delle leggi sul benessere animale, perché, se questa legge vale per me, varrà sicuramente anche per i feringi.

Si è creato un precedente legale: condurre forzosamente delfini è contro la legge feringia. Questa è una vittoria per gli oceani". La Treverton ha fornito alla polizia anche un gran quantitativo di materiale video, chiedendo che "venga aperta un'indagine sulle molteplici violazioni delle leggi faroesi in materia di benessere animale da parte dei partecipanti feringi alle grindadráp del 2016".


ARTICOLI CORRELATI
Furono arrestati alle isole Faroe. Tra loro l'italiana Marianna Baldo
L’imbarcazione più temuta dai balenieri giapponesi attracca a Venezia dal 1 febbraio ed è già una festa
La Brigitte Bardot, il famoso trimarano monoscafo della flotta di Sea Shepherd, l’organizzazione internazionale ambientalista capitanata da Paul Watson, è arrivata mercoledi scorso a Civitavecchia dove rimarrà fino al 2 giugno
I PIU' LETTI IN AMBIENTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
“Finalmente”, anche in Italia, l'attesissimo e controverso documentario sul Megalodon
3
AMBIENTE Squalo! Squalo!
Con le spiagge della domenica affollate dai bagnanti torna “l'incubo degli squali” tra avvistamenti veri e presunti
4
Nuova spedizione in Sud Africa del fotografo naturalista Remo Sabatini dedicato al predatore dei mari
5
C’è anche una italiana tra i volontari animalisti arrestati alle isole Faroe mentre prosegue la mattanza dei globicefali
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]