Venerdì 24 Maggio 2019 ore 03:14
BRICIOLE DI PANE
New Opening, il trionfo dell'inglese farlocco
di Massimo Persotti

Siamo tutti d'accordo sul fatto che l'inglese sia la lingua più parlata al mondo e inevitabilmente ne subiamo la sua influenza tanto da adottare ogni anno tanti nuovi anglicismi. Al punto che la nuova edizione dello Zingarelli tra i 250 neologismi che accoglie, ne registra un bel repertorio di origine anglosassone: emoji, selfie, doodle, stepchild adoption tanto per citarne alcuni. A tutto però ci dovrebbe essere un limite, soprattutto quando l'espressione usata è inutile (esiste un efficace corrispondente italiano) se non addirittura sbagliata.

Ieri, passeggiando per negozi mi sono imbattuto in una enorme cartellonistica a firma di una catena di abbigliamento che copriva le vetrine di un locale chiuso (nella foto). Quale il messaggio? "New opening". Evidente il significato: Nuova apertura. Ma allora perché non usare l'espressione italiana, chiara e altrettanto efficace?

Incomprensibile, se non pensando che il ricorso all'inglese sia più 'trend' soprattutto se ci si rivolge a ragazzi e ragazze come ammiccherebbe il cartellone e in un mondo molto 'fashion' e 'glamour' come quello della moda. Basta anche sbirciare il sito del 'brand' di abbigliamento dove imperversano 'new arrivals', 'precious party', 'store finder', 'gift ideas' solo limitandoci alla 'home page'.

Ma tornando al nostro 'New opening' vale anche la pena spiegare ai realizzatori di queste cartellonistiche che se proprio ricorso all'inglese deve esserci, almeno sia fatto in modo corretto. A meno che, visto che in Italia siamo maestri del retropensiero, non si sia ritenuto che in un Paese dove l'inglese si parla poco e male, meglio ricorrere all'inglese farlocco che all'espressione 'Opening soon' giusta ma meno comprensibile.


ARTICOLI CORRELATI
L’inglese è importante per viaggiare. A molti potrà sembrare un luogo comune, ma non è in realtà affatto così
La titolare del dicastero della Pubblica Ammnistrazione punta il dito contro l'utlizzo della lingua inglese, che ostacolerebbe i processi di innovazione
I PIU' LETTI IN RUBRICHE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Centoquindici i fuochi d'artificio sparati sul mare per salutare il doppio compleanno dei festeggiati
2
Nella canzone il rocker attacca i legali che "alzano il calice al cielo sentendosi Dio" per il ritardo delle sentenze
3
Luttuosi, snob e cattivi
4
Il magnate uzbeko Alisher Usmanov, amante dell'arte, ha un patrimonio stimato intorno ai 14 miliardi di euro
5
Se la cartella allegata alla Pec è in formato ‘pdf’, la notifica non può ritenersi valida
1
L’isola d’Elba è molto vicina alla costa italiana e la si raggiunge comodamente in traghetto in poco più di un’ora
2
Tra i tanti preparativi vi è sicuramente la scelta della truccatrice e acconciatrice
3
"Instapeace" è ideato da Loretta Rossi Stuart e promosso dall'On. Patrizia Prestipino e dall'Associazione "Pathos", con il patrocinio di "Mamme per la pelle"
4
Negli ultimi tempi è aumentato notevolmente il numero di persone che sogna di lavorare nel mondo dello spettacolo
5
Il settore del gioco d’azzardo è da sempre uno dei più controversi e i casinò online italiani legali certificati ne sanno qualcosa
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]