Mercoledì 26 Giugno 2019 ore 05:44
IL KILLER IN ITALIA
Strage Berlino, Anis Amri ha alloggiato ad Aprilia
Sequestrate due abitazioni, si cercano alcune persone che lo avrebbero ospitato nel 2015

Anis Amri, il tunisino autore della strage di Berlino poi deceduto a Sesto San Giovanni al termine di uno scontro con la Polizia, sarebbe stato ad Aprilia. E' quanto emerso dalle indagini della Digos, che hanno indotto la Procura di Roma a disporre il sequestro di due abitazione nella città in provincia di Latina. Il pm Francesco Scavo avrebbe appurato che Amri sarebbe stato ospitato in queste due abitazioni nel 2015.

Gli inquirenti, tra le varie ipotesi in campo, includono anche la possibilità che il tunisino, dopo aver compiuto l'orrendo attentato in Germania ed essere riuscito ad attraversare l'Olanda, la Francia ed essere approdato in Piemonte e Lombardia, fosse diretto proprio nel centro-sud Italia. Per far luce sulla vicenda gli investigatori si sono messi sulle tracce di alcune persone che presumibilmente risiedono ancora nelle case sequestrate e che, dunque, avrebbero ospitato Amri. Un indagine da non sottovalutare, in quanto potrebbe far emergere importanti elementi su un'eventuale rete del radicalismo islamico nel nostro paese.


ARTICOLI CORRELATI
Perquisizioni alla Regione e al Campidoglio: si indaga per associazione per delinquere guidata da ex terrorista dei Nar Carminati
"Sotto il cappotto c'è Silvio" "Prima c'era quello che faceva le corna, mo c'è questo che manco se sa vestì"
Ai campionati europei a Berlino, sono state presentate le eccellenze del territorio, tra cui l'Amatriciana
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
E' stata forte la scossa, avvertita anche nei piano terra delle abitazioni. A Colonna segnalate in alcune case del centro, crepe e distacchi di cornicione
2
La tragedia si è consumata intorno alle 2:00, quando il giovane con altri amici ha raggiunto la stazione
3
Inquinamento e diossina, sono ultra nocivi per la nostra salute ma evidentemente essere abituati a incendi di ogni genere, ci lascia quasi indifferenti
4
Il fatto è avvenuto nella mattinata odierna. Al momento si pensa a un cortocircuito
5
Il conducente del mezzo è stato sottoposto agli accertamenti per capire se avesse assunto alcool o droghe
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]