Mercoledì 17 Luglio 2019 ore 07:28
AZIENDE CHE VINCONO
Roma intervista: l'azienda che premia i dipendenti con 2 stipendi
Chiara Moro: "Non è un fatto così eccezionale. Mio padre già nel 2012 aveva deciso di pagare l’IMU ai dipendenti"
Giuseppe Moro (a sinistra), Chiara Moro e Oliviero Armezzani

Chiara Moro, responsabile Marketing e Comunicazione di Convert Italia (l'azienda di cui è titolare suo padre, Giuseppe Moro) è intervenuta ai microfoni di Radio Roma Capitale, durante la trasmissione di Francesco Vergovich “Roma ogni giorno”, per parlare del premio economico concesso ai dipendenti per gli ottimi risutati portati a termine dall’azienda nel 2016: "Non è un fatto così eccezionale. Mio padre già nel 2012 aveva deciso di pagare l’IMU ai dipendenti, esclusi i dirigenti. Poi c’è stata una brutta crisi per vari motivi, ma ci siamo rialzati un paio di anni fa lavorando soprattutto all’estero. E visto che tutti si sono impegnati per questo, ci è sembrato giusto premiare i nostri collaboratori".

In questo momento non è facile trovare un lavoro soddisfacente. "Io prima di lavorare in azienda mi sono fatta le ossa in altri posti. Vedo tante persone con la laurea perdere il lavoro. E' triste ma lamentarsi non serve. Certo ci vuole anche un po’ di fortuna, credo però che essere positivi sia un’arma importante". Che sensazioni le dà essere sulle pagine dei giornali? "Non ho sensazioni di onnipotenza, anche se la notizia è diventata virale. Sto leggendo l’affetto di tante persone che sentono più speranza. Credo che la reputazione sia più importante del denaro e quindi mi fa molto piacere. C’è tanto lavoro da fare e l'obiettivo è continuare a lavorare bene". Cosa è determinante in azienda? "L’amore tra le persone è un'arma vincente della nostra azienda. Non c’è competitività ma ci aiutiamo tra noi. Molti di noi sono giovani e siamo veramente una bella squadra. In altre aziende, anche più grandi di noi, non è così: invece per noi è importante fare squadra".


ARTICOLI CORRELATI
Lui tiene da 48 anni il regalo dell’ex fidanzata senza mai aprirlo
Lungo tavolo di trattative, alla presenza di Luigi Nieri. L'amministrazione salvaguarda gli stipendi
Il passivo dell'azienda è passato in 3 mesi da 40 a 65 milioni. Allo studio una ricapitalizzazione della Tpl
I PIU' LETTI IN INTERVISTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Sono venuta a lavorare a Roma per pagare le cure di mio figlio. La vita in strada è un incubo, ma presto ne verrò fuori"
2
A "Un Giorno Speciale" su Radio Radio vivace scambio di vedute sulla caccia. Tozzi: "I cacciatori sono dei poveracci"
3
L’abitante delle zone colpite dal sisma ha portato alla luce cose impensabili, inimmaginabili
4
Al Quotidiano del Lazio il giornalista racconta la sua triste esperienza, descritta nel libro "Ho ucciso il Cane Nero"
5
Mario Tozzi: “Chi fa il rabdomante per lavoro è un imbroglione e chi si affida a un imbroglione è un cretino”
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]