Mercoledì 23 Agosto 2017 ore 08:12
SINDACO AMAREGGIATO
Freddo ad Amatrice, Pirozzi: "Se qualcuno fa il furbo mi incazzo"
"Cronaca di un gelo annunciato ma c'è un'ordinanza del 28 novembre: perché ci si muove solo oggi nel supportare gli allevatori?"

ll Sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG, a cura di Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio. Pirozzi ha parlato dell'emergenza freddo: "Il freddo è un po' fuori norma, ma questo penso sia un problema di tutta Italia. E' la cronaca di un disagio annunciato. Era stata fatta una gara da parte della Regione per le stalle provvisorie, purtroppo su 52 stalle 25 sono state cantierate e 27 no".

"Oggi - attacca il sindaco - qualcuno scopre che c'è un'ordinanza del 28 novembre, si affannano tutti per darsi da fare, ma dal 28 novembre al 9 di gennaio passano quasi due mesi. Sei giorni fa è venuto in visita il Ministro per l'inaugurazione di una tensostruttura, accompagnato in fanfara, non so se al Ministro hanno detto quella che era la situazione. Nessuno faccia il furbo". 

Pirozzi fa chiarezza su cosa è accaduto: "Lì hanno fatto una gara, c'è un'ordinanza del 28 novembre, ieri tutti ad affannarsi per supportare gli allevatori, ma non si chiudono le stalle dopo che sono scappati i buoi. Non ci prendiamo in giro, altrimenti mi incazzo. Situazione: sopralluogo sulle stalle, verifica chi ha problemi, numero di stalle, gara. Il fatto che una ditta sia pulita non significa che abbia le capacità per operare bene".

"In fase d'emergenza - osserva Pirozzi - servirebbe un uomo al comando, affiancato dalle migliori espressioni di legalità della nostra nazione. Penso a un generale dei Carabinieri, uno della finanza, un magistrato. Invece non è così, si fa così, chi partecipa deve avere la fedina penale come è giusto che sia, ma questo non presuppone che si abbiano le capacità per fare bene. Ma era necessario fare una gara che riguardasse 52 stalle o era meglio spacchettarla?" 

"E poi esce fuori - continua il primo cittadino di Amatrice - che si mettono tutti a disposizione adesso, scoprono che c'è un'ordinanza firmata il 28 novembre, ma bastava dirlo, bastava attivarsi. Se io vedo che tu stai in ritardo, vengo là e ti chiedo conto di cosa stai facendo, muovendomi immediatamente per attivare altre procedure. Ora stanno chiudendo la stalla dopo che sono scappati i buoi. Non mi si venga a dire che da oggi si mettono a disposizione gli uffici di qualche organizzazione sindacale, perché questo poteva essere fatto prima. E' cronaca di un gelo annunciato. E' vero che il gelo è straordinario, ma a nessuno sfugga che qui si sta a 1000 metri".

"Noi non ci facciamo prendere in giro. Ora - conclude Pirozzi - interverrà la Protezione Civile del Lazio con un paio di tensostrutture. Ma c'era un ordinanza del 28 novembre, perché ci si deve muovere oggi? In tempi normali i ritardi sono tollerati, in tempi di guerra, e questo per noi è un momento di guerra, un ritardo significa la morte civile e morale delle persone". 


ARTICOLI CORRELATI
"A costo di essere sfacciato, voglio essere sincero. Di generi alimentari ne stanno arrivando tantissimi. Bisogna pensare alla ricostruzione"
Dalle rovine di Amatrice nasca la fabbrica del sugo all'amatriciana, proprio in questa città martoriata per poterla rilanciare davvero
La denuncia del sindaco a Sky TG24: "Effettuato sopralluogo con la Protezione Civile, allevatori non sono cittadini di serie C"
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Due aerei militari hanno provocato lo sfondamento del muro del suono; erano intervenuti per un allarme bomba
1
Per ogni concerto, spettacolo o mercatino è stata definita la misura di sicurezza, stilando un elenco di parametri per valutare il grado di pericolosità
2
Le due complici hanno negato il fatto e una di loro ha addirittura accusato l’anziano di aver abusato sessualmente di lei
3
Durante la premiazione il Sindaco Felicetto Angelini ha annunciato l’avvio della raccolta differenziata porta a porta
4
La gente in strada mentre un black out elettrico si è registrato nel centro di Ischia Porto. Almeno 2 le vittime e 10 le persone sepolte sotto le macerie
5
Legambiente: "E' urgente cambiare passo: velocizzare le procedure di recupero delle macerie e individuare altre zone dove poter trattare gli inerti riutilizzabili per la ricostruzione"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency